A Bari cellula ‘jihadista’, ordinato l’arresto di tre afghani

211

BARI, 22 LUG – Hakim Nasiri e i suoi connazionali afghani Surgul Ahmadzai e Qari Khesta Mir Akhmazai “si sono associati per compiere atti di violenza con finalità di terrorismo internazionale” e per questo vanno arrestati.

Lo ha deciso il Tribunale del Riesame di Bari accogliendo l’appello del pm Antimafia Roberto Rossi contro la scarcerazione del 23enne Nasiri (fermato dai carabinieri il 10 maggio e rimesso in libertà dopo tre giorni) e il rigetto dell’arresto degli altri due (all’epoca sfuggiti alla cattura).

Da Bari, scrivono i giudici, un gruppo di tre cittadini afghani si sarebbe “coordinato, sotto l’egida di una comune ideologia estremista, soprattutto per studiare ed individuare possibili obiettivi, mantenendo, nel frattempo, anche grazie a disponibilità di denaro di fonte ignota, contatti interni ed internazionali tutti da definire ma certamente gravemente indiziari”. Il provvedimento del Riesame non è esecutivo sino all’esito dell’eventuale ricorso in Cassazione.  (ANSA)