Il Sud con Salvini

BASE M5S IN RIVOLTA – “Avete fatto l’inciucione con Renzi”

loading...

I militanti del Movimento 5 Stelle non hanno preso bene l’accordo tra Pd e M5S per l’elezione dei tre giudici della Corte costituzionale.

Sui social network non le mandano certe a dire, parlando di “inciucione”, “pateraccio”, “cazz…”. Insomma, chi più ne ha più ne metta. Commentando il post di Grillo un simpatizzante pentastellato osserva che “si tratta di un autentico autogol. La mia fiducia vacilla se penso che stavate tenendo duro proprio per non fare nulla con il partito dei ladri. Avete creato un precedente pericoloso. Evitate di ripetere lo stesso errore” . Rispetto a chi insulta è una voce moderata. Un altro grillino, Adriano G. di Ascoli Piceno, pone una domanda: “Si poteva almeno fare una votazione online per decidere tutti insieme? A parte che son convinto che gli iscritti che votarono Prodi l’anno scorso avrebbero detto di sì anche a sta cazzata. Che Dio ci protegga”.

La discussione, come osserva l’Huffington Post, è abbastanza vivace. Qualcuno difende la scelta del Movimento: “Non si è data nessuna spalla a Renzi – ammette Raffaele – ma si sono scelti i 3 giudici della Corte, evitando che ci finissero dentro degli impresentabili… Ma informatevi prima di sparare accuse vergognose e ridicole”. Un’altra militante, Rita, non nasconde la propria amarezza: “Era la volta buona che cadeva il governo come dite sempre quando andate in tv. Cominciate anche voi a dire cazzate? Siete l’ultima spiaggia”. Molto critico il giudizio di Michele Manin: “Il miglior risultato è che avete mantenuto in piedi il teatrino. Non preoccupatevi che il tempo degli onori finisce anche per voi. Non c’è peccatopiù vergognoso (dice rivolto a Grillo, ndr) che ingannare chi crede in te”.

loading...

Il malcontento trapela anche dai profili Facebook dei parlamentari M5S. Il più bersagliato è Danilo Toninelli, capogruppo in commissione Affari costituzionali, artefice dell’accordo coln il Pd: “Vergogna, vi siete cac… addosso, avete offerto a Renzi una spalla. Proprio ora che è in difficoltà palese, siete il peggio del peggio”, scrive un cittadino che dichiara di aver votato 5 Stelle.

Matteo Casali, vicepresidente della Camera, viene accusato duramente: “Avete intrapreso un accordo con il Pd per eleggere un barone bella scuola che gode da anni di soli privilegi. Al Senato, dove la Boschi ha serie possibilità di andare a casa non avete presentato la mozione. State andando fuori strada, parecchio!”.

Il Movimento 5 Stelle, da parte sua, guarda avanti e non vuol sentir parlare di inciucio. Sottolinea (con malcelato orgoglio) che grazie al M5S è stata “scongiurata la possibilità che alla Consulta andassero politici di professione, prima Luciano Violante, poi Francesco Paolo Sisto, che avrebbero continuato a perseguire gli interessi dei soliti noti”. Niente inciucio, quindi, insistono i grillini. Anche se si sono prestati al giochino furbetto del Pd.

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner