Il Sud con Salvini

Bocche di Bonifacio: canale privilegiato per i terrorisiti, solo undici chilometri separano la Corsica (Francia) dalla Sardegna…

loading...

Vaticano, Duomo, la Scala. Non ci vuole certo l’Fbi per capire quali siano le location che fanno particolarmente gola all’Isis. Occhio invece a non sottovalutare un punto geopolitico d’Italia finora abbastanza trascurato dagli intelligentissimi dell’intelligence: le Bocche di Bonifacio.

Superare l’esile confine acquatico che separa la Sardegna dalla Corsica, nonché il nostro Paese dalla Francia, è come bere un bicchier d’acqua per un terrorista che magari ha già solcato il Mediterraneo su un barcone pieno di profughi: che volete che sia un canale di undici chilometri comodamente attraversabile in gommone. La Polizia di Stato di Santa Teresa di Gallura e la Gendarmeria di Bonifacio si salutano da un faro all’altro scambiandosi segnali di rassicurazione: qui è tutto sotto controllo, dicono sulla costa gallurese, idem sulle scogliere francesi. Con la piccola differenza che in Francia, quindi anche in Corsica, a breve verranno serrate tutte le frontiere, comprese quelle portuali.  Cosa che, lo sanno ormai anche i bambini, non accadrà in Italia, dunque nemmeno in Sardegna. Ciò significa che un potenziale jihadista può approdare indisturbato sul litorale settentrionale dell’isola e attendere il momento giusto per colpire qui o altrove, usando la regione dei quattro mori come terra di passaggio.

loading...

E non è affatto un’ipotesi strampalata visto che Olbia, a quanto pare, è la meta turistica preferita degli islamisti: ad aprile sono stati scoperti undici presunti componenti di Al Qaeda, rinviati a giudizio il prossimo 17 dicembre presso il tribunale di Sassari, mentre a ottobre sono stati espulsi due giovanissimi fan di Al Baghdadi. La sirena risuona anche nelle Bocche di Bonifacio. Sperando che l’eco giunga agli auricolari dei servizi segreti.

Fonte: Qui

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner