Bruxelles: giudice libera il terrorista che ha decapitato un uomo in Siria

205

Malgrado il Belgio sia stato violentemente colpito dal terrorismo di recente, l’atteggiamento morbido nei confronti dei terroristi continua.

La scorsa settimana, un giudice di Bruxelles ha rifiutato l’arresto di un uomo condannato per la partecipazione a un gruppo terroristico e per aver ammesso la decapitazione di un uomo in Siria. Il colpevole circola quindi liberamente a Bruxelles.

Iliass Khayari, 25anni, durante una conversazione telefonica con Het Laatste Nieuws ha ammesso di aver decapitato un uomo. “Era un eretico” ha detto al suo interlocutore. “Era un nemico di Allah. Ecco perché gli ho tagliato la testa.”

Al processo per la partecipazione a un gruppo terroristico, Khayari è stato condannato a cinque anni di carcere, la metà sospesa. L’accusa aveva chiesto il suo immediato arresto, ma il giudice lo ha considerato superfluo. Khayari rimane libero fino a quando non sarà terminato il tempo per fare ricorso contro la sua condanna.

Pertanto, poiché la sentenza non è definitiva, l’uomo può muoversi liberamente e potrebbero volerci mesi prima che diventi definitiva.

www.7sur7.be