IL CARDINAL NOSIGLIA: “CHI NON OSPITA GLI IMMIGRATI È COME ERODE”

129

Nosiglia consiglia: “Accoglienza, protezione, promozione culturale, formazione al lavoro, integrazione. Opporsi a chi vuole costruire muri!”

Leggiamo su Il Populista:

Opporsi a chi vuole erigere muri e impegnarsi per “passi concreti” nei confronti degli immigrati. L’arcivescovo di Torino, mons. Cesare Nosiglia, nell’omelia della festa dell’Epifania: “Anche oggi tante persone di altre nazioni e religioni”, ha detto, “interrogano le nostre istituzioni e la nostra Chiesa, la nostra società” e “se la nostra risposta resta estranea ai loro bisogni esistenziali, spirituali e umani, facciamo come Erode, i sacerdoti e gli scribi”.

“In particolare”, ha proseguito mons. Nosiglia, “nei confronti degli immigrati, tutto ciò esige passi concreti: l’accoglienza, la protezione, la promozione culturale e della formazione al lavoro, l’integrazione nella società. E per far questo è necessario un impegno corale delle istituzioni, del mondo civile ed ecclesiale. Si preferisce erigere muri che dividono, invece di ponti che uniscono, nell’incontro reciproco e nella comune collaborazione. A questi atteggiamenti e e scelte di vita dobbiamo opporci”. Se certa parte di clero ha tanto a cuore gli immigrati nordafricani, meglio farebbe a riconvertire le chiese in moschee…

via Il Populista

  • gabriele

    inizia a dare il buon esempio ospita qualche immigrato nella tua lussuosa dimora