IL CENTRODESTRA È INARRESTABILE, ORA È AL 33,9% DEI CONSENSI

4

I numeri parlano chiaro. Anche se le elezioni politiche sono ancora lontane, il centrodestra è a un passo dallo sfondare la soglia del 35%.

In caso di voto, secondo l’ultima rilevazione dell’Istituto Ixè, Forza Italia incasserebbe il 15,8% dei consensi, la Lega Nord il 13,1% e Fratelli d’Italia il 5%. Per un totale del 33,9% che stacca di gran lunga sia il Partito democratico, in discesa al 23,8%, e il Movimento 5 Stelle, sostanzialmente fermo al 28%.

Le intenzioni di voto sono aggiornate al 22 novembre e danno un’idea chiara su cosa possiamo aspettarci dalle prossime elezioni. A fare da traino di una possibile coalizione di centrodestra è, ancora una volta, Forza Italia che nell’ultima settimana è cresciuta di un altro 0,3%.

Secondo l’Istituto Ixè, incasserebbe il 15,8%. In leggera flessione il partito di Matteo Salvini che questa settimana arretra dello 0,4% e si attesta al 13,1%. Cresce, invece, Fratelli d’Italia attestandosi al 5%.

In questo quadro va sottolineato il crollo senza fine del Pd. Sono ormai lontanissimi i tempi delle Europee e del 40% raccolto dal partito del Nazareno. Di fatto, in soli tre anni, il partito guidato da Matteo Renzi è passato dal 40,8 al 23,8 con un forte calo dopo essere stato nel 2017 intorno al 27,5.

Dunque la strategia renziana, dopo l’ascesa inziale, ha portato il partito verso un’emorragia di consensi che non accenna ad arrestarsi. Tendenza poi confermata anche dall’esito del voto delle Regionali in Sicilia dove il Pd è stato quasi spazzato via dal centrodestra.

Infine, come riporta la Stampa, il segretario dem sarebbe agitato anche per un altro sondaggio che conferma un trend negativo da quando sono iniziate le trattative a sinistra per dare il via ad una coalizione di centrosinistra in vista delle politiche del 2018. Secondo le indiscrezioni del quotidiano torinese, la rilevazione segnalerebbe un calo dal 30 al 24 per cento per il Pd.

Fonte: Qui