CLAMOROSO BALZO IN AVANTI DI ALTERNATIVA PER LA GERMANIA: E’ SALITA AL 14% NAZIONALE IN UN MESE, ORA E’ IL TERZO PARTITO

141

BERLINO – Il partito euroscettico tedesco “Alternativa per la Germania” (AfD in sigla) torna a crescere nei sondaggi,e molto: secondo il sondaggio pubblicato ieri da “Ard-Deutschlandtrend”, se le elezioni politiche si svolgessero domenica prossima, il partito della nuova destra tedesca otterrebbe il 14 per cento nazionale dei voti diventando la terza forza politica del paese.

Il dato rappresenta una crescita di tre punti percentuali rispetto alle rilevazioni del mese scorso e un record di consensi assoluto per la formazione euroscettica. I partiti popolari, invece, perdono consensi: l’Unione di centro-destra ottiene oggi il 34 per cento dei voti (-2 per cento) mentre l’Spd crolla al 21 per cento delle preferenze degli aventi diritto di voto: un calo di due punti percentuali. Il 13 per cento degli elettori tedeschi si dice a sostegno dei Verdi, il 7 per cento della Linke (“La Sinistra” post comunista) il Partito liberale (Fdp) arriva al 7 per cento e riuscirebbe oggi ad entrare in Parlamento.

I partiti socialdemocratici affrontano un periodo a dir poco tremendo in diversi Stati europei, scrive l’editorialista Klaus-Dieter Frankenberger sul quotidiano “Frankfurter Allgemeine Zeitung” questa mattina. Queste formazioni politiche avvertono il peso dell’evoluzione sociale, dei grandi mutamenti economici cosi’ come la delusione e il distacco degli elettori. Il partito Socialdemocratico tedesco, l’Spd, quindi, non e’ un caso isolato sottolinea il grande quotidiano tedesco.

E i segnali della perdita del suo status di “partito popolare” sono evidenti e particolarmente significativi: alle ultime elezioni regionali l’Spd ha ottenuto il 12,7 per cento dei voti in Baden-Wuerttemberg e il 10,6 per cento in Sassonia-Anhalt, due risultati da incubo. Secondo l’ultimo sondaggio condotto da Ard-Deutschlandstrend, inoltre, l’Spd ottiene oggi appena il 21 per cento dei consensi a livello nazionale. facendo riferimento ai voti presi dall’Spd 10 anni fa, ha perso il 50% dell’elettorato.

I motivi di questo distacco degli elettori sono molteplici: la disgregazione dell’ambiente sociale, il clima politico generale esasperato dal disastro dell’immigrazione rispetto la quale l’Spd è accusato d’essere uno dei due responsabili, assieme alla Cdu di Angela Markel,  e il ruolo di partito di minoranza all’interno della grande coalizione. E un aspetto non trascurabile della emorragia di voti dell’Spd è data dal fatto che una certa percentuale è andata a ingrossare il consenso di Alternativa per la Germania, che oggi può tranquillamente affermare d’essere radicato anche tra i ceti popolari, e non solo nella borghesia tedesca euroscettica.

Fonte: Il Nord