“Copriti!”. E il marocchino accoltella la famiglia nel villaggio vacanze

3829
Roma, 19 lug – Ci hanno messo un po’ a dirlo, ma alla fine è emerso che anche in questo caso c’è di mezzo un nordafricano. Stavolta forse l’Isis non c’entra niente, l’incompatibilità fra due universi culturali invece sì. Un uomo di 37 anni,di origine marocchina, ha infatti aggredito a colpi di coltello una donna e le sue tre figlie a Laragne, nelle Hautes-Alpes. Poi è stato arrestato. La madre, 46 anni, e le figlie di 9, 12 e 14 anni sono state portate immediatamente in ospedale. La bambina di 9 anni è in condizioni molto gravi ed è stata trasferita in elicottero all’ospedale di Grenoble. Il marito della donna e padre delle tre giovani risulta illeso.L’aggressore sarebbe invece un uomo di origine marocchina, musulmano praticante, che alloggiava in un bungalow vicino a quello occupato dalle donne. Secondo La Provence, l’aggressore proviene dalla regione di Parigi ed era anch’egli in vacanza con la famiglia. L’uomo ha anche precedenti per atti violenti che risalgono a una decina di anni fa. iTele ha avanzato l’ipotesi di una relazione tra l’aggressione e l’abbigliamento delle vittime: insomma, la famiglia della porta accanto avrebbe vestito in maniera troppo discinta (in un villaggio vacanze…). Il sindaco di Laragne, Edmond Francou, ha dichiarato che l’auto dell’assalitore era pronta a ripartire e l’uomo ha provato a fuggire ma è stato fermato dagli agenti.