CORTE COSTITUZIONALE AUSTRIACA INIZIA INCHIESTA SUI BROGLI ALLE PRESIDENZIALI

419

VIENNA – E’ iniziato davanti alla Corte costituzionale di Vienna il dibattimento sulla validita’ delle elezioni presidenziali austriache. L’Fpoe, il cui candidato Norbert Hofer era stato battuto dal verde Alexander van der Bellen per 31.000 preferenze, ha impugnato l’esito, denunciando irregolarità nello spoglio dei voti postali. Fino a giovedì verranno ascoltati come testimoni circa 90 direttori di collegi elettorali. La Corte costituzionale ha tempo fino al 7 luglio per la decisione. Il Fpoe ha presentato un corposo dossier di denuncia di voti falsi, cancellati, addirittura calcolati più volte nel medesimo collegio, con abnormità del tipo: 400% di votanti.