DELRIO: “SUONARE L’INNO ALLA GIOIA’ QUANDO SBARCANO LE NAVI DEI MIGRANTI”

21
Il ministro delle Infrastrutture e dei trasporti Graziano Delrio al MIBACT durante la presentazione del progetto ''Cammini e Percorsi'', Roma 9 maggio 2017. ANSA/GIUSEPPE LAMI

“Nessun porto chiuso, lo dico da responsabile della Guardia costiera e delle operazioni di soccorso ai migranti. Non stiamo rinunciando a quei princìpi di umanità che l’Italia ha messo in campo con Renzi e Gentiloni”.

Lo ha affermato il ministro delle Infrastrutture Graziano Delrio in un’intervista al ‘Corriere della Sera’. In realtà la storia dell’”umanità” è una bufala che poteva andare a raccontare solo al corriere, perché i porti non si possono chiudere comunque.

“La nostra fermezza e la protesta di queste ore – ha aggiunto Delrio – è per chiedere chel’Inno alla gioia si suoni anche quando sbarcano le navi dei migranti e non solo per celebrare il sogno europeo. Vogliamo risposte. Perché gli sbarchi sono aumentati del 14% e per le condizioni terribili di povertà e instabilità dei Paesi di provenienza, come Siria e Libia”.

L’Europa, ha concluso il ministro, deve “lavorare al grande piano Marshall per l’Africa suggerito dalla cancelliera Merkel”. (con fonte adnkronos)

  • Carlo Della Rossa

    Carlo Della Rossa DOBBIAMO SUONARVI ”BELLA CIAO” SIETE DEI MISERABILI NON ITALIANI,VENDUTI ALLA VIOLENZA E ODIO RAZZIALE,DOVRESTE ESSERE IN GALERA NON AL GOVERNO.AL VOTO E RIMPATRIO DI QUESTE RISORSE,BASTA PRELIEVI AFFONDATE LORO I BARCONI