Difendere la famiglia durante un furto dovrebbe essere un diritto,ma in Italia è un REATO!

326

Di Alessandro Raffa per nocensura.com:

Difendersi dai ladri in Italia è pericoloso. Diverse persone dopo aver difeso la propria famiglia e la propria abitazione o negozio si sono ritrovate COSTRETTE a risarcire il ladro e talvolta in carcere.

Premessa: la vita è SACRA, ne siamo convintissimi, ma siamo altrettanto convinti che la casa di una famiglia debba essere inviolabile.

E su questo tema – e praticamente solo su questo – siamo favorevoli alla legge americana, dove la proprietà privata è davvero tutelata, ed èconsentito difendersi.

FURTO è quando i ladri entrano in una casa vuota, rubano e se ne vanno.

Quando entrano in una casa in presenza di una famiglia NON è un furto: è un attentato alla famiglia.

La famiglia vittima NON PUO’ SAPERE quali siano le intenzioni degli intrusi: rubare, stuprare, entrambi, torturare per farsi aprire un’eventuale cassaforte (e anche se non c’è, ti torturano per convincerti a rivelare se c’è una cassaforte nascosta)

Di questi tempi – assistiamo ormai quotidianamente a violenze e atrocità – è legittimo temere il peggio per la propria famiglia. Solitamente i ladri sono 3-4, la vittima invece è sola, o meglio in casa ha i figli, la moglie, persone indifese.

Ti svegli nel cuore della notte, ti rendi conto che la tua casa è sotto attacco, ti sale l’ansia, il panico, temi che possano fare del male ai tuoi cari…

IN UN CONTESTO COSì QUALSIASI REAZIONE è LEGITTIMA.

Vuoi rubare? Entra nelle case vuote. Altresì, se entri in una abitazione occupata da una famiglia, SEI CONSAPEVOLE E ACCETTI IL RISCHIO DI PRENDERTI UNA FUCILATA! Oppure ti aspetti un caffè e un cornetto caldo?

CI VUOLE UNA LEGGE AD HOC PER METTERE LE FAMIGLIE IN CONDIZIONI DI DIFENDERSI LEGITTIMAMENTE!!!

Penetrare in una casa è già una gravissima minaccia che giustifica una decisa reazione. Non c’è bisogno di ulteriori minacce. Oppure dobbiamo chiedere: “salve, ma volete stuprare mia figlia/moglie oppure volete solo rubare?”

NON SCHERZIAMO.