DONALD TRUMP A MATTEO SALVINI: ”TI AUGURO DI DIVENTARE PRESTO IL PREMIER ITALIANO” (ENORME SUCCESSO DELL’INCONTRO)

373

FILADELFIA – Con una scelta di tempo fantastica, degna delle migliori strategie politiche, questa mattina Matteo Salvini è apparso su Twitter scrivendo: “Un saluto dagli Stati Uniti, amici! Go, Donald, go!” e al breve messaggio ha aggiunto una fotografia assieme a niente di meno che Donald Trump.

La notizia – che sta facendo molto scalpore non solo in Italia – appare anche sul blog ItalyForTrump, sostegno del candidato repubblicano. Salvini e Trump si sono incontrati a Filadelfia, al comizio elettorale in Pennsylvania.

Immediato anche il commento di Roberto Maroni, da Milano:”Trump è in testa ai sondaggi, viene votato dagli americani e non mi pare che gli americani siano un popolo di nazifascisti che votano un nazista. Sono queste etichette che fanno parte del passato e non fanno capire cosa sta succedendo. Bisogna togliersi le fette di salame dagli occhi e guardare con grande attenzione a quel che sta avvenendo, perché questo si chiama democrazia”.

E dire che ieri Matteo Salvini – che non aveva annunciato a nessuno questo suo viaggio, se non genericamente giorni fa quando disse “sarò all’estero forse peril 25 aprile… – è passato dalla festa della Lega nella bergamasca, a Zanica, alla convention partito repubblicano americano in un palasport di Filadelfia, che per la cronaca è anche la quinta città degli Stati Uniti per numero di abitanti.

Donald Trump ha accolto con tutti gli onori, Salvini e i due leader si sono subito riuniti in un incontro a due per oltre trenata minuti, non pochi se si pensa che nel frattanto 20.000 sostenitori di Trump lo attendevano sugli spalti.

Alla fine della riunione, davanti a fotografi e telecamere (Usa, perchè non c’era neppure un giornalista italiano) Donald Trump ha detto: “Diventerai premier in Italia”. Salvini è l’unico leader politico italiano ad avere inocntrato quello che con ogni probabilità sarà il candidato alla Casa Bianca per lo schieramento repubblicano.

E’ un grande passo, questo di Salvini, sia per l’accreditamento internazionale, e a che livello, Trump potrebbe essere il nuovo Presidente delgi Stati Uniti, sia per la nascita del nuovo grande soggetto politico italiano, che chiami all’adunata il popolo per salvare l’Italia affermando finalmente quel nazionalismo, quella difesa degli interessi italiani che vede sull’altra sponda dell’Oceano in Donald Trump uguale paladino per la sua amata America.

Matteo Salvini ha sfoggiato con Trump il fazzoletto verde nel taschino e la spilla sul bavero della giacca con Alberto da Giussano, simbolo storico della Lega fondata da Umberto Bossi. Trump invece, in camicia, giacca e cravatta rossa, rosso come il colore dei Repubblicani negli Stati Uniti.

Temi principali del loro colloquio sono stati l’economia e l’immigrazione. Testimone dell’incontro -il presidente del National Italian American Political Action Committee, associazione difende tradizioni, lingua e cultura italiana in America.

Ma le soprese di questo memorabile incontro non sono finite qui. Salvini, come un simpatizzante qualsiasi di Trump, si è  seduto tra il pubblico dello stadio di Mohegan Sun Area ad ascoltarlo, tra gli sgardi incuriositi dei presenti – che ovviamente non lo conoscevano – ma subito strettisi attorno a lui sotto la pioggia di flash dei fotografi. Salvini ha anche innalzato un cartello dei sostenitori di Trump con la scritta “Trump. Make America Great Again”.

Ancora circondati dai fotografi, i due leader si sono alla fine salutati con reciprochi auguri: “Ti auguro di diventare presto il premier italiano” ha detto Donald Trump a Salvini che di rimando gli augurato di diventare presidente delgi Stati Uniti d’America a novembre,

Salvini partirà da Filadelfia domani, ha deciso di seguire le primarie in Pennsylvania, dove Donald Trump per l’ennesima volta è in testa a tutti i sondaggi.

Fonte: Il Nord