Il Sud con Salvini

Dopo la morte di Ermes sarà lo Stato a risarcire i due ladri rom

loading...

Secondo la legge i rom si approprieranno della casa di Ermes. Intanto l’avvocato di Ermes attacca: “Era preoccupato dal pignoramento”

Ermes Mattielli è morto d’infarto dopo il calvario giudiziario che lo aveva condannato a 5 anni e 4 mesi di galera.

Gli unici ad uscire indenni (e più ricchi) da questa vicenda sono i due ladri rom, che proprio dall’ex rigattiere attendevano i 135mila euro di risarcimento che il giudice ha disposto. Li riceveranno dallo Stato.

Sul futuro dell’eredità, quello che è certo è che Ermes non aveva parenti stretti: “Non ci sono genitori, moglie, figli né fratelli o sorelle – spiga l’avvocato di fiducia di Mattielli, Maurizio Zuccollo – credo abbia solo qualche cugino”. Ma questi potranno rifiutarsi di ricevere l’eredità, viste le modeste proprietà del rigattiere e quel risarcimento da 135mila euro. Così, in assenza di eredi, lo Stato diventerà proprietario dei beni di Ermes, adoperandosi per il pagamento del dovuto ai rom.

loading...

“L’art. 596 del codice civile – spiega a ilGiornale l’avvocato Marco Tomassoni – enuncia che, in mancanza di altri successibili, l’eredità è devoluta allo Stato italiano: l’acquisto avviene di diritto senza bisogno di accettazione e non può farsi luogo a rinunzia”. Il secondo comma dell’art. 586 prevede inoltre che lo Stato risponda dei debiti del defunto intra vires (ovvero nei limiti di ciò che ha ricevuto dal defunto stesso) e che “provveda alla liquidazione dell’eredità nell’interesse di tutti i creditori e legatari” che abbiano presentato dichiarazione di credito. Ovvero i due rom, che potranno andare dal notaio per togliere da morto quello che non erano riusciti a rubare a Mattielli in vita. E spostando sullo Stato l’onere del risarcimento.

Secondo l’avvocato del pensionato di Arsiero, Maurizio Zuccolo, l’infarto di Ermes si inserisce in un momento di grossa preoccupazione per il rischio che la sua casa – l’unica cosa di cui disponeva – gli venisse tolta per risarcire i rom. “Era preoccupato per il futuro, aveva paura gli pignorassero la casa per pagare i 135mila euro: era preoccupato come può esserlo chiunque si trovi in quella situazione”.

Si può comprendere. Resta l’amarezza di una vicenda nata nel segno di due rom delinquenti (ed ora più ricchi) e finita con la morte di un onesto cittadino. Non può non indignare.

Fonte: IlGiornale

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner