E Renzi accusa Vienna: “Violano regole dell’Ue”

231
18/05/2015 Roma, conferenza stampa al termine del Consiglio dei Ministri sulle pensioni dopo la sentenza della Corte Costituzionale, nella foto Matteo Renzi

La questione migranti è complicata, ma non è un’emergenza e gli allarmismi delle ultime settimane vanno ridimensionati. Ne è convinto Matteo Renzi, secondo il quale “gli annunci esagerati dei giorni scorsi vanno ricalibrati: nei primi quattro mesi dell’anno il numero dei migranti arrivato in Italia e’ inferiore a quello del 2014 e sostanzialmente uguale a quello del 2015”.

Sulla sua Enews il presidente del consiglio parla di “sforzo impegnativo per il nostro Paese, che continua a cercare di salvare vite umane in mare, ma con numeri che sono piu’ bassi di quelli che vengono riportati dagli allarmi internazionali. Tutto cio’ conferma – ove ce ne fosse il bisogno – che l’ipotesi di chiudere il Brennero e’ sfacciatamente contro le regole europee, oltre che contro la storia, contro la logica e contro il futuro”,

A proposito dell’incontro avuto ad Hannover con Obama, Merkel, Hollande e Cameron, Renzi sottolinea la “piena sintonia sui principali dossier di politica estera, a cominciare da Siria e Libia dove si registrano piccoli passi in avanti. L’Italia collabora attivamente in molti teatri impegnativi, a cominciare dalla diga di Mosul fino all’Afghanistan”.

Fonte: Qui