Il Sud con Salvini

Ecco come l’Arabia Saudita aiuta l’Isis

loading...

Vladimir Putin lo ha detto chiaramente: ci sono Paesi, alcuni insospettabili, che finanziano l’Isis per il proprio tornaconto.

Turchia, Qatar e Arabia Saudita in primis. Un caso emblematico della connivenza di questi Stati con i miliziani dello Stato islamico viene dalla storia c’è la “maestra del jihad“, Bushra Haik.

La sua vicenda viene raccontata da L’Espresso: “Per l’Italia è una pericolosaterrorista, ricercata come reclutatrice di jihadisti per il cosiddetto Stato Islamico. Ma di fatto continua a vivere nella capitale dell’Arabia Saudita, da dove i magistrati di Milano non hanno ancora ricevuto alcuna risposta al mandato di cattura internazionale spiccato già il 29 giugno scorso, che in teoria dovrebbe valere in tutto il mondo“.

loading...

Bushra è accusata di aver indottrinato “decine di seguaci del Califfato, tra cuiMaria Giulia Sergio, 28 anni, la prima italiana reclutata dallo Stato Islamico, e la sorella Marianna, 31, arrestata mentre stava organizzando la partenza con i genitori verso la Siria“. La “maestra del jihad” è nata a Bologna, da famiglia siriana, trent’anni fa. Tre anni fa si è trasferita in Arabia Saudita, a Riad, ed è proprio da qui che ha continuato a reclutare nuovi adepti per il jihad. Lo strumento da lei usato? Internet.

Come riporta L’Espresso, che cita l’ordinanza di arresto della donna, “le lezioni di Bushra rappresentano una efficace e continua esaltazione delle azioni terroristiche dello Stato Islamico, perpetrate ai danni di occidentali, minoranze sciite e ostaggi anche musulmani

In particolare, Bushra ha giustificato la strage di Charlie Hebdo, durante alcuni colloqui con una delle sorelle Sergio: “Gli occidentali non sono innocenti, perché i loro Paesi hanno mandato gli eserciti a uccidere

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner