Entra in chiesa con uno zaino. Poi il grido: Allah u Akbar. Terrore a messa

1760
Supporters of Egypt's ousted President Mohammed Morsi chant slogans against the military near Cairo University, where protesters have installed their camp in Giza, southwest of Cairo, Egypt, Monday, July 8, 2013. Egyptian soldiers and police opened fire on supporters of the ousted president early Monday in violence that left dozens of people killed, including one officer, outside a military building in Cairo where demonstrators had been holding a sit-in, government officials and witnesses said. (AP Photo/Manu Brabo)

Prima ha fatto irruzione in chiesa durante la messa, poi subito dopo ha iniziato ad invocare Allah.

Quel grido “Allah u Akbar” simbolo di tante stragi islamiste.

È successo a Civitanova Marche, durante la messa domenicale di ieri sera alle 19. Un giovane di colore è entrato nella chiesa di “Cristo Re” con uno zaino. Poi si è avvicinato all’altare urlando frasi alternate alle invocazioni ad Allah. Il grido “Allah u Akbar” e la presenza dello zaino hanno allarmato i fedeli presenti alla funzione religiosa.

Il parroco, però, non si è fatto intimorire. Ed ha continuato la celebrazione della Santa Messa. Intanto, scrive il Messaggero, alcuni presenti avvertivano il 113. Il ragazzo ha cercato di scappare, ma è stato fermato dalle forze dell’ordine e portato in Commissariato.