FALLITO L’ASSALTO DI MILLE MIGRANTI A CEUTA: LA SPAGNA RESPINGE I CLANDESTINI

92

Un migliaio di migranti clandestini subsahariani che erano diretti in Spagna, armati di bastoni e pietre, hanno tentato di forzare la barriera metallica sul confine, senza riuscire a passare.
MADRID – Circa mille migranti subsahariani hanno inscenato un vero assalto questa mattina contro le barriere di confine, ovvero il muro metallico che separa l’enclave spagnola di Ceuta dal Marocco, utilizzando spranghe, bastoni e lanciando pietre, ma tutto è risultato inutile grazie alla determinazione della Guardia Civil spagnola. In pratica i migranti andestini sono stati respinti dalla polizia di entrambi i paesi. Lo riferisce l’agenzia Efe.

Questo nuovo tentativo di sfondamento del confine che, in quel punto, a Ceuta, è costituito da un muro di cemento, oltre che da un’alta doppia recinzione in rete metallica che circonda la città spagnola, è avvenuto verso le sei del mattino. Si contano almeno tre agenti spagnoli e dieci marocchini che sono rimasti feriti. Le forze di sicurezza dei due paesi erano in allerta dopo che ieri 187 migranti subsahariani erano riusciti a penetrare correndo in un gruppo compatto nell’enclave spagnola, sfondando il cordone di sicurezza al valico di frontiera di Tarajal. Un agente spagnolo era stato ferito.

Secondo quanto riferito dal comando della Guardia Civil di Ceuta, l’assalto di questa mattina è stato molto violento. I migranti impugnavano bastoni, lance artigianali, oggetti taglienti, lanciando pietre contro gli agenti. Le enclave di Ceuta e Melilla in territorio marocchino sono oggi i principali punti di ingresso terrestri dei migranti irregolari che cercano di entrare in Spagna. Nei giorni scorsi erano riusciti a entrare in territorio spagnolo circa duecento clandestini e questo aveva suscitatro allarme e preoccupazione.

Migranti a Ceuta

Nota: Il Governo spagnolo sta conducendo una linea dura contro l’immigrazione clandestina in quanto si sostiene che la Spagna non ha sufficienti risorse per accogliere decine di migliaia di africani che vorrebbero entrare nel paese in cerca di fortuna. L’opinione pubblica nella sua grande maggioranza è contraria all’immmigrazione incontrollata.

Non ci sono posti di lavoro per gli spagnoli e non sarebbe possibile integrare tutti questi migranti che costituirebbero un problema sociale e di ordine pubblico: si rischierebbe di finire come in Italia dove il fenomeno è ormai fuori controllo.
Per questo la Spagna ha comunicato che manterrà chiusi i propri porti sul Mediterraneo e non consentirà l’ingresso alle navi delle ONG che trasbordano i migranti dal Nord Africa.

Fonte: Faro de Vigo

Traduzione e nota: Luciano Lago

via Controinformazione

  • Luigi Enrico Leonardi

    L’Italia è fuori controllo dalla morte di Caligola.