FARNESINA, VACANZE ALL’ESTERO – Ecco i Paesi a rischio per gli italiani

2587

La Farnesina mette in guardia i turisti che partono per le ferie. Tra le mete “calde” Egitto, Tunisia ma anche il Portogallo

Le scelte delle mete per le vacanze saranno dettate anche dalla paura.

Di fatto, dopo l’attacco a Dacca in cui hanno perso la vita nove italiani, aumenta il rischio per i nostri connazionali all’estero. E a preoccupare di più sono le parteneze per le ferie di questa estate che è appena cominciata. Sul sito della Farnesina, viaggiaresicuri.it la situazione è in continuo aggiornamento. Di fatto vengono indicati rischi in Guatemala, Francia, Cipro,ma ci sono situazioni delicate, ad esempio, anche in Egitto, Tunisia, Nigeria, Algeria, attacchi ai resort Libia, e ovviamente Dacca in Bangladesh. La Farnesina in questo caso raccomanda ai connazionali di “mantenere un atteggiamento vigile” e soprattutto un comportamento adeguato soprattutto nelle località visitate indicate come a rischio sulla mappa del Ministero degli Esteri. Una delle mete preferite dagli italiani in vacanza d’estate è l’Egitto. E di fatto proprio per questo Paese, Viaggiare Sicuri avverte di possibili pericoli per il crescente numero di manifestazioni previste nelle città egiziane e invita gli italiani ad “avere massima cautela e di evitare gli assembramenti soprattutto a Il Cairo e a Giza”.

Occhi puntati anche verso l’Oriente. Soprattutto sul Laos dove “la situazione sanitaria è carente anche nella capitale ed è impossibile sottoporsi a cure ospedaliere locali, peraltro sconsigliate anche in caso di emergenza.Sono difficoltosi – per il momento – i rimpatri sanitari di emergenza. Pertanto, si raccomanda di stipulare, prima di intraprendere il viaggio, una assicurazione sanitaria che preveda, oltre alla copertura delle spese mediche, anche l’eventuale rimpatrio aereo sanitario o il trasferimento in altro Paese del malato”, fa sapere sempre la Farnesina. Tornando all’Europa, la Farnesina fa sapere che nonostante gli attacchi di quest’anno in Belgio e dello scorso anno in Francia, i due Paesi restano affidabili per trascorrere le vacanze. Quest’anno ci saranno dei poliziotti armati a perlustrare le zone delle spiagge francesi. Altro Paese a rischio è il Libano.

Le condizioni di sicurezza del Paese sono peggiorate dopo il duplice attentato terroristico datato 12 novembre 2015. Non c’è solo il terrorismo a preoccupare il Ministero degli Esteri ma anche la criminalità. E in questo quadro vengono definiti rischiosi due Paesi come il Cile e il Portogallo. Soprattutto per quanto riguarda il Portogallo la Farnesina avvisa: “Il tasso di criminalità non è elevato, ma è necessario fare attenzione in quanto borseggi, scippi e furti – nelle auto e negli alloggi per turisti – sono frequenti nelle principali zone turistiche e possono talvolta accompagnarsi ad episodi violenti”. Fate attenzione anche alle vacanze in India. Viaggiaresicuri.it ricorda che “a seguito degli attentati che hanno recentemente colpito Australia, Francia, Pakistan e Afghanistan, il Governo indiano mantiene un allarme a livello nazionale circa la possibilità di attacchi terroristici nel Paese”. Meta assolutamente da evitare è l’Arabia Sauditadove oggi è stata attaccata la zona del Consolato degli Stati Uniti. Il Marocco invece ha innalzato, con risultati tangibili, nella lotta al terrorismo. E la Farnesina afferma: “Numerose cellule terroristiche sono state smantellate in Marocco nel corso degli ultimi mesi”.Infine l’avvertimento: “In particolare, a fronte dell’innalzamento del livello di allerta terrorismo, si raccomanda di osservare estrema cautela nelle grandi città ad elevata presenza turistica come, tra le altre, Fez, Rabat, Marrakech, Casablanca e Salé”.

Fonte: Il Giornale