Il Sud con Salvini

Fiorisce il mercato nero dove i clandestini acquistano falsa nazionalità

loading...

Almeno due terroristi kamikaze di Parigi hanno utilizzato dei passaporti siriani spacciandosi come rifugiati, con false generalità, per attraversare l’Europa e arrivare sugli obiettivi partendo dal Califfato.Le autorità tedesche denunciano che circa il 30% dei profughi usano passaporti siriani comprati al mercato nero, ma in realtà sono spesso afghani, iracheni, kosovari o nord africani che puntano ad ottenere l’asilo politico concesso ai rifugiati in fuga dalla guerra.

Il business dei passaporti che garantiscono l’asilo o un passaggio sicuro per i terroristi è fiorente: un documento del genere vale dai 1500 ai 2000 dollari. E spesso i passaporti sono originali sequestrati dai ribelli nelle città conquistate in Siria con tanto di timbri governativi.In Puglia sono passati la scorsa estate due dei tre terroristi coinvolti nell’attacco alla Francia transitati dall’Italia compreso il super ricercato, Salah Abdeslam con i suoi documenti non essendo all’epoca ancora nelle liste dei «catturandi».. Il procuratore di Lecce, Cataldo Motta, non ha escluso che altri terroristi siano arrivati nel Salento confusi fra i migranti. Sicuramente negli ultimi giorni sono stati arrestati all’aeroporto di Ciampino e Orio al Serio 4 siriani, sospettati di legami con il Califfato, che cercavano di raggiungere Malta con passaporti falsi. Accanto ai resti di uno dei kamikaze di Parigi è stato rinvenuto un passaporto siriano intestato ad Ahmad al-Mohammad. Il 3 ottobre era passato per la Grecia come rifugiato lasciando le sue impronte digitali, poi in Serbia ed infine in Croazia dove si sono perse le tracce. Nelle ultime ore il procuratore di Parigi, François Molins, ha parlato di un secondo kamikaze, che avrebbe viaggiato spacciandosi per profugo siriano con un falso passaporto. Il primo ministro, Manuel Valls, ha detto che forse i terroristi hanno sfruttato la crisi dei rifugiati ed il caos per infiltrarsi in Francia.

loading...

Tobias Plate, portavoce del ministero dell’Interno tedesco, aveva rivelato fin dal 25 settembre, che sui 527mila rifugiati accolti in Germania il 30% non arrivava realmente dalla Siria. Iraniani, pachistani, egiziani, somali, kosovari hanno comprato sul mercato nero passaporti siriani per ottenere l’asilo. Fabrice Leggeri, direttore di Frontex, l’agenzia europea delle frontiere, ha confermato che «persone con passaporti falsi siriani acquistati in Turchia sembrano provenire dal Nord Africa e avere il profilo di migranti economici». Molti sono, al contrario, siriani doc, che non hanno documenti. O che non possono venire in Europa con le loro vere generalità, come i terroristi di Parigi.In Turchia i prezzi per un passaporto siriano si sono impennati dai 1500 dollari ai 2000 attuali. Uno dei trafficanti di documenti più famoso è il siriano Malik al Behar, probabilmente un nome falso, conosciuto come «il re delle onde» perché riesce a far passare chiunque. In alcuni casi gli stessi militari o funzionari siriani vendono ai trafficanti le etichette per i documenti per poche centinaia di dollari. Solo quest’anno risultano rubati in Siria tremila passaporti siriani originali, ma cittadine come Azaz strappate al controllo governativo si sono rivelate una miniera d’oro. Nel locale ufficio passaporti sono finiti intatti nelle mani dei ribelli i documenti non compilati, la stamperia ed i timbri. Anche Raqqa, capitale siriana del Califfato, sarebbe una fucina di documenti veri con generalità false per infiltrare terroristi in Europa. FBil

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner