Giordano drastico: “Vi dico io a cosa servono gli immigrati. E la nostra Italia, molto presto…”

2531

Pubblichiamo Posta Prioritaria, la rubrica in cui Mario Giordano risponde alla missiva di un lettore.

Caro Giordano, lei che è così sensibile nell’interpretare l’umore degli italiani ed efficace nel dar loro voce, perché non si fa promotore di un movimento, un’azione contro questa incontenibile immigrazione. Gran parte dei politici (dal nostro Presidente Mattarella in giù) è in malafede, o affetta da colpevole pregiudizio, quando afferma che gli italiani sono favorevoli all’accoglienza. Non è vero! E moltissimi sondaggi lo dimostrano. Invece la nostra Marina Militare continua addirittura ad andarli a prendere appena si scostano dalle spiagge libiche. La verità è che prevalgono gli orientamenti di chi ha degli interessi in gioco. Oppure di chi mira a meritarsi il Paradiso con la solidarietà. Questi ultimi meritano rispetto (sorvolando sull’illusione del Paradiso) ma ne meriterebbero di più se la solidarietà la esercitassero verso gli stati da cui provengono gli immigranti. Invece vogliono accoglierli qui, a spese di tutti gli italiani (in maggioranza contrari) e di questa bella Italia (bella ancora per poco). Se continua così l’Italia diventerà un paese di xenofobi, poi di razzisti, alle prese con un orda crescente di stranieri disadattati, disoccupati, accattoni e malviventi. Possibile che i nostri politici (Mattarella in testa, insisto) abbiano così poco a cuore la loro nazione e la sua popolazione?

Piero Salvini
Bareggio (Mi)

Caro Piero, la ringrazio per la stima. Ma che debbo fare di più? Mi spiace auto-citarmi, ma lei mi chiama in causa: ho scritto un libro sull’argomento, per dimostrare nomi, cognomi e numeri alla mano, che dietro l’accoglienza c’è davvero un fiorente business (consiglio molto interessato: se non l’avete ancora letto, leggetelo durante le vacanze perché a settembre la situazione sarà ancora più esplosiva). Non faccio altro che andare in giro per l’Italia per raccontare queste cose (fra l’altro ringrazio tutti gli amici che organizzano gli incontri, ho trovato quest’anno un’accoglienza particolarmente calorosa). Quando posso scrivo, dico, mi batto in televisione e le garantisco che faccio altrettanto in privato. Lo sa che cosa mi rispondono? Che gli italiani sono contro l’accoglienza solo perché lo diciamo noi. Qualcuno mi dà pure del sobillatore. Come se la maggior parte dell’informazione non fosse controllata dai maestri del Pensiero Unico della Retorica Buonista che fingono di non accorgersi che gli italiani sono incazzati perché così possono continuare a vestire i panni della Sacra Accoglienza e guadagnarci su. Lo faranno finché il Paese esploderà. Allora finalmente capiranno. Ma forse sarà un po’ tardi.

di Mario Giordano – Libero