Gli agenti di rinforzo a Roma costretti a pagarsi l’alloggio

Niente posti letto per quattrocento poliziotti arrivati nella Capitale per il Giubileo

231
Italian policemen stand guard the Colosseum, in Rome, Italy, 9 January 2015. Police are checking all the institutional and diplomatic targets following an attack on the offices of French satirical newspaper Charlie Hebdo that killed 12 people. ANSA/CLAUDIO PERI

Quattrocento poliziotti in più per garantire la sicurezza a Roma, costretti a pagare da soli un alloggio.

Lo denuncia il segretario provinciale dell’Ugl Polizia Massimo Nisida. «Il trasferimento dei colleghi per fronteggiare le presenze giubileari – sottolinea – ha messo a nudo le carenze strutturali in materia di alloggi collettivi di servizio in un momento in cui la Questura è chiamata ad affrontare una delle sfide più complesse degli ultimi 15 anni. I colleghi si trovano in difficoltà perché devono farsi carico dell’albergo».

Si tratta di personale residente fuori Roma che non potrebbe altrimenti assolvere gli obblighi si servizio. «Chiediamo al questore di intervenire – conclude l’Ugl – per reperire con urgenza posti letto presso strutture di nostra amministrazione e pubbliche, la cui capacità ricettiva magari non sia stata ancora sfruttata o sfruttata del tutto, per permettere ai colleghi di lavorare con serenità».