GORI (PD): “SERVONO ISTRUZIONE E LAVORO PER I MIGRANTI”

180

“Sono un amministratore prestato alla politica”. Si definisce così Giorgio Gori, sindaco di Bergamo candidato del Pd alla Presidenza della Regione Lombardia, in un’intervista rilasciata a Fatti e Misfatti di Paolo Liguori. “Voglio portare la mia esperienza di sindaco in un ambito più ampio come quello regionale. Si può fare. Fare, meglio”.

Immigrazione – “Noi sindaci siamo stati lasciati soli sull’immigrazione da Regione Lombardia che si è totalmente disinteressata al problema”, denuncia Gori, “sono stati fatti grandi proclami contro gli immigrati, ma poi non si è mosso un dito”. Secondo il candidato Pd, ci sono delle scelte che si possono fare a livello regionale e propone un progetto che riguarda il lavoro per i richiedenti asilo.

“Il problema di gestione dei richiedenti asilo si è aggravato”, spiega Gori, “perchè questi ragazzi sono tenuti per molto tempo, fino a due anni, a fare nulla. Questa è una cosa che non dà dignità alle loro giornate e che non dà un senso ai soldi che noi spendiamo per accoglierli. Occorre far in modo che possano spendere il loro tempo nello studio della lingua e nell’imparare una professione per poi svolgerla. Così facendo penso che molte persone, che oggi sono contro gli immigrati, diventerebbero disponibili ad accoglierli e a favorire l’integrazione di chi dimostra di aver voglia di rispettare le leggi”.

tgcom24.mediaset.it