Il Sud con Salvini

IL NATALE MINACCIA L’ISLAM – E i paesi musulmani lo vietano

loading...

Festeggiare il Santo Natale non è un diritto scontato. Specie nei Paesi di fede islamica.

Dopo il Brunei, anche la Somalia e la Tagikistan hanno vietato ai cristiani di celebrare la nascita di Gesù Cristo. Tanto che sono stati banditi i Babbi Natale, i cappelli rossi, le candele, gli auguri, le canzoni natalizie e persino le luminarie. Temendo la contaminazione con le tradizioni della cultura cristiana, i governanti musulmani vietano ogni forma di celebrazione credendo così di preservare i precetti dell’islam.

loading...

Il primo Paese a vietare il Natale è stato, nei giorni scorso, il Brunei. Per i musulmani che lo festeggiano, sono previste pene che prevedono fino ai cinque anni di carcere. I “non musulmani”, invece, possono celebrarlo ma in maniera “intima” e dopo formale richiesta. Nelle ultime ore anche la Somalia ha varato un provvedimento restrittivo contro il Natale.“Queste feste – ha intimato il ministro agli affari religiosi della Somalia, lo sceicco Mohamed Kheyrow – non hanno nulla a che fare con l’islam. Anche in Tagikistan sono stati vietati gli alberi e la consuetudine di scambiarsi i regali nelle scuole. Non solo. Sono assolutamente vietati i fuochi artificiali, i pasti festivi, le collette per le celebrazioni del Nuovo Anno e“l’installazione dell’albero di Natale, anche di alberi artificiali”, in scuole e università.

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner