Il Sud con Salvini

IN FINLANDIA SI PREPARA IL REFERENDUM PER USCIRE DALL’EURO! POTREBBE ESSERE INDETTO GIA’ NELLA PRIMAVERA DEL 2016

loading...

Il 2016 potrebbe essere un anno particolarmente interessante, visto che la Finlandia potrebbe uscire dall’eurozona.

Infatti, proprio in questi giorni 50mila cittadini finlandesi hanno sottoscritto un referendum per chiedere se rimanere o no nell’euro e il parlamento finlandese dovra’ discutere l’anno prossimo, tra febbraio e marzo, questa iniziativa di legge popolare.

Anche se non e’ chiaro se l’approvera’, in realtà sarebbe la prima volta in cui un referendum popolare richiesto – come in questo caso – a termini di legge, viene bocciato. E già molti commentatori hanno detto che non accadrà. Il referendum si farà.

Al momento i sondaggi in Finlandia dicono che il 64% dei cittadini vorrebbe rimanere nell’euro, ma cresce molto rapidamente il numero di coloro che vogliono uscirne. Basti pensare che a gennaio i favorevoli alla valuta unica europea erano il 69%  e un anno fa sarebbe stato addirittura impossibile perfino raggiungere le 50mila firme referendarie, mentre ora sono state raccolte in brevissimo tempo perche’ molti finlandesi adesso credono che solo cosi’ si possa rilanciare l’economia del Paese.

Infatti, ad alimentare questo forte euroscetticismo montante c’e’ il dato incontrovertibile per il quale dal 2008 ad oggi la “cugina” Svezia – che e’ fuori dall’euro – e’ cresciuta dell’8% mentre l’economia finlandese si e’ contratta del 6% e da tre anni e’ in recessione e visto che non si possono chiedere altri sacrifici ai cittadini o abbassare gli stipendi come in Grecia perchè scoppierebbe una vera rivolta popolare, sempre più gente pensa che l’unica soluzione sia riavere la valuta nazionale e svalutarla.

loading...

Un recente rapporto di un centro studi finlandese ha calcolato che uscire dall’eurozona costerebbe 20 miliardi di euro, ma tali costi verrebbero subito recuperati dall’export e comunque il rilancio dell’economia farebbe avere dei guadagni nel medio termine dei 5 anni.

D’altra parte, dopo ben 7 anni di arretramento, con un drammatico calo del Pil del 6%, l’idea che fra 5 anni senza più l’euro ci sarà una forte crescita economica non solo non spaventa più nessuno in Finlandia, ma anzi fa proselitismo per l’uscita dall’eurozona.

Sara’ interessante vedere come andra’ a finire, ma quel che e’ certo e’ che in Italia un dibattito di questo tipo non sarebbe mai tollerato dal nostro governo, tant’e’ che ogni proposta di referendum in materia e’ stata censurata dalla stampa di regime, come pure e’ stata censurata questa notizia che vi sfidiamo a trovare pubblicata su altri giornali, lasciando pur perdere “l’informazione” televisiva italiana che è degna solo della Bulgaria del Patto di Varsavia.

Per ora possiamo solo sperare che questo referendum avra’ successo, perche’ questo scatenerebbe un effetto domino che distruggerebbe la zona euro e cambierebbe il corso della storia.

Vi terremo informati.

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner