Il Sud con Salvini

In viaggio da Bergamo per assassinare la regina: sventato il piano dell’Isis

loading...

La Procura di Brescia ipotizza che i due siriani che lo scorso 18 novembre sono stati fermati all’aeroporto di Orio al Serio mentre cercavano di imbarcarsi per Malta con due passaporti falsi, stessero progettando un attentato alla vita della regina Elisabetta. Lo scrive il quotidiano Il Tempo sottolineando come a La Valletta dal 27 al 29 novembre si è svolto il Commonwealth Heads of Government Meeting (Chogm), ossia il vertice dei capi di governo dei 53 Paesi che facevano parte dell’ Impero britannico.

loading...

Ospite d’ onore è stata la sovrana del Regno Unito. Gli inquirenti – scrive il quotidiano romano – stanno cercando di capire se oltre alla regina ci fosse un altro obiettivo inglese sull’isola.  Nel registro degli indagati, con l’ accusa di terrorismo internazionale, è stato iscritto Alali Faowaz, 30 anni, il siriano fermato nello scalo di Orio al Serio con un falso passaporto norvegese, insieme a Hazm Alhag, 19 anni, che ne aveva uno austriaco, tarocco anche quello. Sul cellulare di Alali gli investigatori hanno subito trovato foto compromettenti che lo ritraevano con la divisa della polizia stradale dell’ Isis e mentre imbracciava un kalashnikov.

Fonte: Qui

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner