Il Sud con Salvini

INCREDIBILE – A Prato per favorire l’integrazione una danza tribale al posto della recita natalizia

loading...

Prato, 24 dicembre 2015 – Tu scendi dalle stelle ha lasciato il posto all’Ombelico del Mondo. La Natività è stata scalzata da una danza tribale. In testa copricapo leopardati. Dire che sono rimasti esterrefatti alcuni genitori e nonni chiamati ieri mattina ad assistere alla scuola Cesare Guasti alla recita natalizia dei propri figli e nipotini, è poco. Almeno qualcosa che richiamasse il clima natalizio i familiari dei piccoli alunni-attori se lo sarebbero aspettato. E invece come in altre parti d’Italia, anche Prato, in questo caso, non ha fatto eccezione.

loading...

«Siamo andati a vedere nostra nipote pensando che facesse una rappresentazione natalizia e invece ci siamo trovati di fronte ad uno spettacolo che niente aveva a che fare con il Natale né tanto meno con le nostre tradizioni – spiega un nonno presente in sala – È stata una rappresentazione incentrata sulla nascita del mondo chiamata Aurora. Né un richiamo al Natale… niente di niente. I bambini hanno cantato l’Ombelico del Mondo di Jovanotti ed hanno messo in scena una danza tribale. Azzerando le nostre tradizioni non si rispetta nessuno, non è la maniera di fare integrazione. Questa recita poteva benissimo essere fatta a fine anno scolastico, ma mettere in scena la nascita del modo per la recita di Natale che senso ha». In realtà la scelta della preside Angela Di Buono che da quest’anno ha preso la guida dell’Istituto Marco Polo di cui fa parte anche la primaria di via Santa Caterina, non è piaciuta a molti genitori e persino a qualche insegnante che tra le righe ha fatto capire ai genitori e ai nonni che si sono andati a lamentare, il loro disappunto. «Anche l’insegnate con la quale ci siamo lamentati ci ha confidato di non essere molto d’accordo – spiega ancora il nonno – Se è Natale perchè dobbiamo far finta che non lo sia. Così facendo si crea soltanto confusione nei bambini. Credo che anche i compagni di mia nipote che vengono da ogni parte del mondo, non avrebbero disdegnato una stella cadente o una recita natalizia».

continua su LaNazione

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner