Inghilterra, zoo e parchi giochi: le vacanze degli immigrati pagate con i fondi statali

L'iniziativa in Gran Bretagna: un'associazione che riceve fondi pubblici paga l'ingresso alle sale divertimento per far integrare i migranti

86

Soldi ai richiedenti asilo per farli entrare nei parchi giochi, negli zoo e nelle aree di divertimento.

Un sogno per tutti i ragazzi locali, ma gratis potranno andarci solo i migranti. A loro lo stato inglese regala 140 euro a testa (e i migranti sono tanti) per spassarsela alle spese dei contribuenti.

Dal 2009 un’associazione finanziata dalla lotteria nazionale inglese, ha pagato l’ingresso agli zoo e alle spiagge a migliaia di immigrati. Ovviamente non sono mancate le polemiche. “Alcuni dei nostri elettori non possono permettersi di mandare i loro figli in alcuni di questi luoghi”, hanno detto i deputati conservatori.

Gli immigrati arrivati in Gran Bretagna non accompagnati, scrive il DailyMail, possono godere di una settimana di arrampicata e canoa pagato dall’associazione, che ha ricevuto più di 300mila sterline di fondi pubblici. Un’idea che, chissà, potrebbe far propria anche la Boldrini di turno in Italia.