INTEGRAZIONE IN GERMANIA – L’afghano con l’ascia era stato accolto da famiglia

429

Il 17enne afghano che ha attaccato i passeggeri su un treno in Germania era un richiedente asilo accolto da una famiglia. Nella sua camera una bandiera dell’Isis

È arrivato in Germania come minore non accompagnato. Ha richiesto asilo ed è stato prima ospitato in un di Ochsenfurt (piccola località a circa 30 chilometri a Wurzburg, nel sud del Paese) e poi accolto da una famiglia.

Ma il giovane 17enne afghano ha ripagato l’accoglienza tedesca salendo su un treno regionale e cercando di fare a pezzi i passeggeri.

È quello che è successo ieri sera quando, intorno alle 22,10, il ragazzo è salito sul convoglio armato di accetta e si è scagliato contro i passeggeri, al grido di “Allah Akbar“. Poi ha cercato di scappare, ma nella zona si trovavano alcuni agenti delle forze speciali che hanno sparato e lo hanno ucciso. Nella sua camera è stata torvata una bandiera dell’Isis dipinta a mano.

Quattro i feriti, tutti cittadini di Hong Kong, ora in gravi condizioni: si tratta di un uomo di 62 anni, la moglie 58enne, la figlia di 27 e il fidanzato 31enne della giovane. Salvo invece il figlio 17enne. Altre 14 persone sono state trovate in stato di choc. “C’era sangue ovunque”, raccontano i testimoni.

Fonte: Il Giornale