JIHADISTI INFILTRATI TRA I PROFUGHI – SCOPERTI CENTINAI DI CASI IN GERMANIA

95

Allarme delle autorità teutoniche: sono già 369 le segnalazioni di possibili militanti islamisti pronti a compiere attentati entrati nel Paese nascondendosi grazie ai flussi di migranti

All’indomani dei fatti di Monaco, dove ieri mattina all’alba uno squilibrato ha ucciso una persona e ne ha ferite altre tre con un coltello al grido di “Allah è grande”, la Germania si risveglia in preda all’incubo del terrorismo.

Non tanto per la misteriosa vicenda dell’accoltellamento alla stazione ferroviaria bavarese, ma per un rapporto dell’Anticrimine federale in cui si rivela che le autorità di polizia tedesche hanno ricevuto 369 segnalazioni di persone fatte infiltrare da sigle ed organizzazioni terroristiche fra le fila dei migranti.

A rivelarlo è oggi la Neue Osnabruecker Zeitung, quotidiano regionale della Bassa Sassonia, secondo cui “non può essere escluso il rischio di nuovi attentati di cellule terroristiche islamiche”. Su 369 segnalazioni sarebbero già staste avviate inchieste giudiziarie in quaranta casi.

Non è la prima volta che le autorità germaniche lanciano l’allarme per il possibile rischio di attentati a matrice islamista nel Paese. A dicembre il capo dei sindacati federali di polizia, Rainer Wendt, aveva dichiarato a Gli Occhi della Guerra che a causa della politica delle “porte aperte” ai migranti decisa in estate dalla cancelliera Angela Merkel non era stato possibile registrare tutte le persone entrate nei confini, con il risultato che trecentomila individui si aggiravano per la Germania senza essere stati identificati.

All’indomani degli attacchi terroristici di Parigi del novembre scorso adHannover era stato sventato un attacco allo stadio di calcio; a febbraio erano stati arrestati tre nordafricani a Berlino, accusati di preparare attentati nella capitale federale. Ora l’ultima allerta arriva dal fronte immigrazione. La polizia tedesca è al lavoro per sventare anche quest’ultima minaccia.

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/jihadisti-infiltrati-profughi-germania-centinaia-casi-1257368.html