LA BOLDRINI VUOLE PUNIRE CHI PARLA MALE DELL’ISLAM, MA SI DIMENTICA DEI CRISTIANI PERSEGUITATI…

1008
20/06/2013 Roma, celebrazione della Giornata del Rifugiato. Nella foto Laura Boldrini, presidente della Camera

La minaccia principale alla nostra civiltà laica e liberale risiede nel divieto assoluto di criticare e di condannare l’islam come religione, perché i suoi contenuti sono in totale contrasto con le leggi dello Stato, le regole della civile convivenza, i valori non negoziabili della sacralità della vita, della pari dignità tra uomo e donna, della libertà di scelta.

Mentre il terrorismo islamico dei tagliagole, coloro che sgozzano, decapitano, massacrano e si fanno esplodere, noi lo sconfiggeremo sui campi di battaglia dentro e fuori di casa nostra, di fatto ci siamo già arresi al terrorismo islamico dei «taglialingue», coloro che sono riusciti a imporci la legittimazione dell’islam a prescindere dai suoi contenuti ed ora sono mobilitati per codificare il reato di «islamofobia», un’autocensura nei confronti dell’islam.

Le Nazioni Unite, l’Unione Europea e il Consiglio d’Europa hanno già accreditato, sul piano politico, il reato di islamofobia, assecondando la strategia dell’Organizzazione per la Cooperazione Islamica. Ebbene ora in Italia il presidente della Camera, Laura Boldrini, ha fatto un ulteriore passo in avanti finalizzato a codificare per legge il reato di islamofobia, che comporterà sanzioni penali e civili per chiunque criticherà e condannerà l’islam come religione.

È ciò che emerge dall’iniziativa della Boldrini di dar vita alla Commissione di studio sull’intolleranza, la xenofobia, il razzismo e i fenomeni di odio, nelle varie forme che possono assumere, xenofobia, antisemitismo, islamofobia, antigitanismo, sessismo, omofobia. Secondo la Boldrini sarebbero nuove forme di razzismo, che si manifestano soprattutto nella rete, catalogate in inglese come «hate speech», da intendersi come «incitazione all’odio».

È singolare che siamo in un’Italia e in un’Europa dove chiunque può dire di tutto e di più sul cristianesimo, su Gesù, sulla Chiesa e sul Papa, senza che succeda nulla perché viene ascritto alla libertà d’espressione, mentre ci siamo auto imposti di non dire nulla sull’islam, su Allah, su Maometto e sul Corano perché urta la suscettibilità dei musulmani, perché abbiamo paura della loro reazione violenta che si ritorce indiscriminatamente contro tutti i cristiani nel mondo. A proposito, dal momento che i cristiani sono in assoluto i più perseguitati al mondo per la loro fede, perché mai tra le categorie che sostanzierebbero il reato di «incitazione all’odio» non compare la «cristianofobia»?

L’errore fondamentale che viene commesso è di sovrapporre la dimensione della persona con quella della religione, ritenendo che per rispettare i musulmani come persone si debba automaticamente e acriticamente legittimare l’islam come religione. Noi invece dobbiamo rispettare i musulmani come persone, ma al tempo stesso dobbiamo usare la ragione per entrare nel merito dei contenuti di una religione e poter esprimere in libertà la verità sull’islam.

La Boldrini, la terza carica dello Stato che dovrebbe lealtà e fedeltà all’Italia, si esibisce in pubblico con al petto una spilletta su cui c’è scritto «Stati Uniti d’Europa», una entità inesistente ma che si tradurrebbe nella scomparsa dell’Italia come Stato sovrano e indipendente, così come promuove l’invasione di milioni di clandestini musulmani che a suo avviso rigenererebbero la vita e la civiltà dell’Italia. In questo contesto il reato di islamofobia si rivelerebbe il colpo di grazia all’Italia e agli italiani.

Fonte: qui

Comments are closed.