Il Sud con Salvini

La Germania si ribella contro gli immigrati islamici: manifestazioni a Colonia e in altre città

loading...

Il commissario europeo per l’Economia e la societa’ digitali, Guenther Oettinger (della Cdu di Angela Merkel) chiede ufficialmente per il 2016 una piu’ severa limitazione dell’afflusso di profughi in Germania. E la richiesta spiazza la Commissione europea, dato che non è stata “concordata”.

“Dovremmo accogliere le persone venute da noi con dignita’ umana e mantenere la nostra cultura dell’accoglienza. Ma l’arrivo di un altro milione di profughi non puo’ essere sostenuto ne’ dai comuni ne’ dalle associazioni caritatevoli”, ha dichiarato Oettinger ad una manifestazione elettorale del suo partito nella piccola cittadina del Baden-Wuerttemberg, Weinstadt-Endersbach. Secondo Oettinger, inoltre, la “notte di Capodanno di Colonia”, con le molestie perpetrate in massa da centinaia di immigrati nordafricani, esibisce i limiti della cultura dell’accoglienza tedesca ed europea.

“Se la crisi dei profughi dev’essere superata, allora bisogna migliorare il controllo dei confini esterni della Ue e aiutare finanziariamente le persone nelle regioni di crisi. In Europa abbiamo piu’ bagnini che guardie di frontiera, e con 30 euro al mese possiamo aiutare molto le persone nei paesi di crisi”, ha affermato Oettinger, sostanzialmente indicando una condotta della Germania e della stessa Unione euroepa diametralmente opposta a quella attuale. Basta accoglienza in Europa, vanno aiutati a casa loro, i “migranti”.

loading...

E che la situazione migratoria in Germania sia diventata letteralmente incandescente lo dimostra anche la presa di posizione del principale partito socialdemocratico tedesco: l’Spd. Proprio il segretario del Partito Socialdemocratico Sigmar Gabriel  si e’ pronunciato in merito all’organizzazione interna dei profughi: secondo il vice-cancelliere, in futuro sara’ lo Stato a dover imporre le localita’ di residenza dei richiedenti asilo e dei profughi in Germania, e non come avviene ora, con masse di migranti che vanno dove vogliono.

“Credo che abbiamo bisogno di introdurre una serie di disposizioni sul domicilio di queste persone, altrimenti si recano tutte nelle grandi citta’, anche i richiedenti asilo politico”, ha dichiarato Gabriel, avvertendo che “in questo modo potrebbero sorgere problemi di ghettizzazione”. Di recente anche la cancelliera Angela Merkel ha prospettato una direttiva sul domicilio dei profughi per suddividere equamente tra i lander il compito di accogliere queste persone, ma questi orientamenti hanno subito innescato forti proteste dei “richiedenti asilo” che hanno inscenato manifestazioni dentro e fuori i centri di accoglienza. La situazione in Germania è molto instabile.

Fonte: Qui

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner