LA STUPRA PUNTANDOLE IL COLTELLO ALLA GOLA: LA VIOLENZA CHOC DELL’IMMIGRATO MAROCCHINO

479

Una violenza senza senso, la minaccia con il coltello alla gola, poi la stupra. Serraji Jalala, 30enne marocchino, è l’autore di questa follia. E’ stato arrestato a Foggia con l’accusa di violenza sessuale e rapina, aggravata dall’uso di un’arma da taglio.

Lo stupro e la minaccia col coltello:  La vittima, una donna napoletana trapiantata in Puglia, stava tornado a casa dopo una serata passata in compagnia di un amico. L’immigrato l’ha avvicinata e le ha puntato un coltello alla gola. Poi le ha portato via la borsa, le ha strappato i vestiti di dosso e l’ha stuprata.

Alcune persone hanno sentito la donna chiedere aiuto e l’hanno soccorsa, riporta Foggia Today. Poi hanno allertato le forze dell’ordine, che dai racconti della donna sono riusciti a risalire all’identità del marocchino. Il quale era già noto alle forze dell’ordine ed era sottoposto all’obbligo di dimora nel Comune di Foggia.

Fonte:Qui