“LE EUROPEE SONO TUTTE TR…E”; QUESTO QUELLO CHE PENSANO GLI IMMIGRATI CHE ACCOGLIAMO

2532

“L’arrivo dei migranti ha portato a due estremismi: odio verso di loro e euforia verso di loro”. A dirlo è Bassam Tibi, cittadino siriano che da 54 anni vive in Germania. E secondo il quale l’immigrazione non porta nulla di buono. “Oggi vivo nella città di Goettingen, dove oggi comandano i migranti. Dopo averne accettato alcune migliaia il centro è stato occupato da loro e i problemi di sporcizia, schiamazzi e di criminalità sono all’ordine del giorno. Io non ho paura di affrontarli, i tedeschi invece sì perché temono di venire accusati di essere razzisti. Per questo motivo i tedeschi mi fanno pena. Non hanno più la forza di dire ciò che pensano.

Tibi sta assistendo all’arrivo dei milioni di migranti giunti in Germania negli ultimi mesi. Che cosa ne pensa? Che sia un problema. “Noi ce l’abbiamo fatta ad ottenere lavoro, libertà e pace. L’arrivo di 1,5 milioni di profughi in poco tempo porta solo disordine sociale. Noi immigrati tedeschi abbiamo paura per la nostra integrazione. Temiamo che i comportamenti scorretti dei migranti porti i tedeschi a posizioni estreme che colpiscono tutti noi”.

I migranti porterebbero poi l’antisemitismo: “Io stesso ero antisemita quando vivevo a Damasco e prima di arrivare in Germania. Si cresce sentendo storie che raccontano che gli ebrei sono i nemici degli arabi, è ovvio sviluppare un tale odio. La maggior parte dei siriani è infatti antisemita”.

La maggior parte die problemi legati all’immigrazione riguarderebbero le donne. “I siriani disprezzano i tedeschi perché vedono che le loro donne vanno a letto con più uomini. La maggior parte dei migranti considera le donne europee come delle prede, come si è visto la notte di Capodanno a Colonia. Certamente sanno che questi comportamenti sono vietati dalla legge ma al contempo pensano che tutte le donne tedesche siano delle troie. E si rendono conto che i poliziotti evitano di usare il pugno duro con loro per non essere accusati di razzismo”.

Fonte: Qui