Marina militare, la “nave umanitaria” si trasforma in portaerei. Ed esplodono i costi. Taciuti al Parlamento

248
Un piano da 5,4 miliardi per il rinnovo della flotta portato in Parlamento dal ministro Pinotti e dall’ammiraglio De Giorgi (recentemente accusato di spese pazze da un dossier anonimo). Ma con caratteristiche e costi reali che sono stati svelati successivamente da “tecnici” esterni. Così il mezzo anfibio descritto come un appoggio al soccorso dei migranti (844 milioni) si rivela una nave da guerra per gli F35 (1,1 miliardi). E così via

La “nave anfibia unamanitaria” si trasforma in una portaerei. I “pattugliatori” – sempre “umanitari”, s’intende – diventano fregate/cacciatorpedinieri lanciamissili. E così via. Più che le presunte spese pazze dell’ammiraglio De Giorgi – cabine di lusso, festini, ragazze e cavalli bianchi, secondo un dossier anonimo al vaglio della magistratura – il capo di stato maggiore della Marina, e insieme a lui la ministra della Difesa Roberta Pinotti, dovrebbero rendere conto della scarsa trasparenza usata nell’inverno 2014/2015 per strappare al Parlamento il via libera al finanziamento del rinnovo della flotta navale da guerra.

Ai parlamentari chiamati ad approvare il gigantesco stanziamento da 5,4 miliardi di euro nell’inverno 2014/2015, emerge dai documenti, Marina e Difesa fornirono all’epoca informazioni parziali o distorte sulla vera natura e la vera dimensione del programma. Si parlò di unità navali economiche e “a doppio uso”, con impieghi di soccorso umanitario e protezione civile, sottacendo dati e caratteristiche tecniche che avrebbero svelato le reali intenzioni dei militari epreventivando costi inferiori a quelli dei contratti stipulati dopo l’ok del Parlamento.

I documenti ufficiali presentati all’epoca dal governo (si veda il decreto governativo e il relativo dossier parlamentare) parlavano, tra l’altro, di una “unità anfibia multiruolo (Lhd) per il concorso della Difesa ad attività di soccorso umanitario” (“supporto alla Protezione Civile in operazioni di disaster relief o nel concorso in operazioni di evacuazione e/o assistenza umanitaria/calamità naturali e ricerca/soccorso”) da 844 milioni e di sei “pattugliatori polivalenti d’altura (Ppa) per la sorveglianza marittima tridimensionale” (“controllo flussi migratori, soccorsi in mare, tutela ambientale”) dal costo medio di 437 milioni. Niente dati tecnici come lunghezza e dislocamento delle unità, ma le informazioni ufficiose parlavano di 180/190 metri e 20mila tonnellate per l’unità anfibia e di 120 metri e 4.500 tonnellate per i pattugliatori.

Pochi mesi dopo l’ok del Parlamento è iniziata a venire fuori la verità. A luglio il contratto con Fincantieri e Finmeccanica ha mostrato che il costo dell’unità anfibia era già lievitato a 1,1 miliardi. In Parlamento si chiesero spiegazioni, ma il sottosegretario alla Difesa Gioacchino Alfano non ne diede. Dopo l’estate, nel ristretto ambiente di esperti e appassionati di difesa, iniziarono a trapelare disegni e dettagli tecnici quasi definitivi.

La nave anfibia umanitaria si era trasformata in una gigantesca portaereiper F-35B da 245 metri e 33mila tonnellate con ponte di volo da 230 metri e scorte di carburante aereo per 2mila litri. Altro che “evoluzione delle navi San Giorgio, San Marco e San Giusto” come era stato raccontato al Parlamento (unità da 133 metri e 8mila tonnellate) o rimpiazzo della portaelicotteriGaribaldi (180 metri e 14mila tonnellate): la nuova portaerei Trieste – questo il nome che circola – sarà più grande dell’ammiraglia della flotta navale italiana, la portaerei Cavour (244 metri, 27mila tonnellate, ponte da 220 metri e scorte di carburante aereo da 1500 litri. Nella foto).

Difficilmente il Parlamento avrebbe autorizzato l’acquisto di una seconda portaerei, visto che la prima entrata in servizio nel 2009 (costo iniziale 1,1 miliardi, poi lievitati a 1,5), non è stata quasi mai utilizzata per mancanza di fondi (una settimana di navigazione costa un milione e mezzo di euro). Si disse che era stata impiegata durante la guerra in Libia del 2011, ma non era vero. E’ stata usata per due tour promozionali in America Latina (2010) e Medio Oriente e Africa (2013/2014) allestita come fiera galleggiante di armi “made in Italy” (tutto spesato dalle aziende belliche) e solo nel 2015 ha partecipato per alcuni mesi all’operazione Eunavfor Med.

Nel frattempo, le informazioni filtrate dall’ambiente cantieristico-militare hanno rivelato che anche gli innocui pattugliatori umanitari sono cresciuti di numero (da 6 a 7) e dimensioni (da 120 a 143 metri di lunghezza, da 4.500 a 6.200 tonnellate di dislocamento) fino a trasformarsi in fregate/cacciatorpediniere lanciamissili da prima linea quasi sovrapponibili alle dieci nuove fregate Fremm (144 metri per 6.900 tonnellate), anche per ilprezzo, salito da 437 a 560 milioni (come si deduce dai comunicati stampa di Fincantieri di maggio, luglio e novembre 2015). Insomma, degne eredi dei due cacciatorpediniere lanciamissili Durand de la Penne (140m e 5.400t) ma certamente sovradimensionate per rimpiazzare i quattro pattugliatori Cassiopea (81m e 1500t) e le quattro corvette Minerva (87m e 1285t).

In conclusione, sfruttando le maglie larghe del sistema di controllo parlamentare sulle spese militari, l’ammiraglio De Giorgi è riuscito a mettere in cantiere un’invincibile armata da 2 portaerei e 17 fregate/cacciatorpediniere. Ed era già pronto a chiedere una seconda legge navale da 5 miliardi per arrivare a 3 portaerei, 26 fregate/cacciatorpediniere e 8 sommergibili: “L’Italia non può rimanere con soli quattro sommergibili”, aveva sentenziato.

http://www.ilfattoquotidiano.it/2016/04/14/marina-militare-la-nave-umanitaria-si-trasforma-in-portaerei-ed-esplodono-i-costi-taciuti-al-parlamento/2634448/