MIGRANTI, ECCO L’ULTIMA TROVATA DELLA MERKEL – “Lavorate per un euro all’ora”

180

Il ministro del Lavoro della Germania ha varato un piano per impiegare centomila migranti: meglio al lavoro che per strada si dice. Ma lo stipendio è da fame…

Camerieri, spazzini, giardinieri: richiedenti asilo. Tutti impiegati comelavoratori a poco più di un euro all’ora.

In Germania, il governo di Angela Merkel progetta di includere fino a centomila profughi nel nuovo programma statale per l’impiego degli immigrati. Il ministro federale del lavoro Andrea Nahles ne parla come di un “trampolino” per i migranti verso il mercato del lavoro.

Troppo spesso, si dice infatti, gli occupanti dei centri di accoglienza si trovano a ciondolare per giorni interi senza nulla da fare, in attesa di documenti che a volte impiegano mesi e mesi per arrivare. Un’inattività forzata, spesso causa di frustrazione sia per la popolazione che per i migranti stessi. Inattività che molto spesso è resa inevitabile da una legislazione del mercato del lavoro bizantina e ipertrofica. Contro questo stato di cose le autorità federali di Berlino hanno approntato un piano di impiego molto discusso: quello dei cosiddetti “lavori da un euro”. Un espediente adottato da tempo per contrastare la disoccupazione attraverso l’offerta di impieghi “sociali”: chi rifiuta il lavoro, ne paga le conseguenze con la decurtazione del sussidio.

Per non più di venti ore a settimana, i migranti possono lavorare a uno stipendio poco più che simbolico, ma che consente a molti di racimolare qualche euro in più. Circa 84 euro al mese, che vanno ad integrare la somma di denaro – che varia da Stato a Stato – a disposizione dei richiedenti asilo per le loro spese personali.

La retribuzione oraria proposta per i migranti-lavoratori, però, è da tempo oggetto di dibattito, con la proposta del ministro del Lavoro al centro di pesanti critiche da parte delle associazioni pro-migranti, ma anche da parte della stampa conservatrice. “La Nahles vuole solo migliorare le statistiche sull’occupazioneaccusava già a dicembre Stefan von Borstel di Die Welt – Ma ci sono modi migliori di impiegare i migranti.” Nel mirino ci sarebbero le statistiche che da tempo indicano la necessità di un fabbisogno di manodopera in determinati segmenti del mercato del lavoro.

Nel frattempo, tuttavia, l’esperimento è già attivo in molte città della Germania: in Baviera novemila persone sono già al lavoro, mentre nella sola Berlino i richiedenti asilo impiegati in questo tipo di attività sono quasi quattromila. Pochi, se confrontati alle centinaia di migliaia che sono entrati nei confini tedeschi nel corso del 2015. Troppi, per chi ritiene che il progetto del governo della Merkel sia velleitario e inadeguato.

http://www.ilgiornale.it/news/mondo/migranti-ricetta-merkel-lavorate-euro-allora-1259493.html?mobile_detect=false