Il Sud con Salvini

“Mimetizzatevi così, poi uccidete”: come e dove ci ammazzerà l’Isis

loading...

I lupi solitari dell’Isis si preparano a colpire. E i terroristi islamici adottano nuove tattiche d’attacco: obiettivo, uccidere il più possibile, replicare mattanze come quella di Parigi dello scorso 13 novembre. Ed in questo contesto, nelle ultime ore, in Siria lo Stato islamico ha diffuso un documento nel quale fornisce ai combattenti di ritorno tutte le istruzioni per portare a termine un attentato con successo.

Mimetizzarsi – Semplicissima la prima regola: “Dissimulare sempre”. Agli aspiranti martiri si consiglia insomma di mimetizzarsi: tagliare la barba e indossare anche croci cristiane per destare il minor sospetto possibile. Il pamphlet, di 58 pagine scritte in inglese, raccomanda anche, se possibile, di rinunciare agli abiti tradizionali arabi, e sconsiglia anche ai kamikaze potenziali di portare con sé testi religiosi.

loading...

Le frasi – “Non c’è dubbio che oggi, nell’era dei lupi solitari, i fratelli che vivono in Occidente debbano conoscere alcune nozioni fondamentali per assicurarsi il successo delle operazioni – si legge -. Se potete evitate di sfoggiare abiti tradizionali e barbe lunghe, è meglio. Potete invece portare al collo dei monili a forma di croce, come usano fare i cristiani. Evitate però di farlo se sul passaporto avete un nome musulmano: potrebbe sembrare strano e destare sospetti”.

Dove colpire – Stando al pamphlet dell’Isis, pur di spargere il terrore si possono infrangere i dettami dell’islam: “Se volete profumarvi, non usate i prodotti analcolici che usano i musulmani, ma impiegate pure quelli a base di alcol, come fanno tutti”. Infine – forse il punto più preoccupante – nel documento di propaganda vengono indicati gli obiettivi da colpire: le discoteche, in particolare. La ragione è presto detta: la musica è alta e il fatto che le uscite d’emergenza non siano immediatamente identificabili può generare un caos funzionale al maggior numero di vittime (giovani) possibili.

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner