Moglie rifiuta di fare sesso: marocchino la stupra e tenta di strangolarla. Poi rompe braccio ad agente

241

TORINO, 14 MAR – Ha chiesto alla moglie un rapporto sessuale e al suo rifiuto l’ha violentata. Un marocchino di 36 anni è stato arrestato dalla polizia con l’accusa di violenza sessuale. E’ stata la donna, che l’uomo ha minacciato con un grosso coltello da cucina per una notte intera e ha anche tentato di strangolare con un cavo, a trovare il coraggio di denunciare gli abusi, che andavano ormai avanti da diversi mesi. La violenza, resa nota soltanto oggi dalla questura di Torino, è avvenuta lo scorso 8 marzo, festa della donna. L’uomo, che aveva agito sotto l’effetto di sostanze stupefacenti, ha tentato di sfuggire all’arresto, ma è stato fermato dagli agenti del commissariato San Paolo. Nella colluttazione un poliziotto ha riportato la frattura dell’omero e una prognosi di un mese. Oltre che di violenza sessuale, il marocchino è accusato anche di maltrattamenti, tentato omicidio, resistenza e lesioni a pubblico ufficiale.. (ANSA)