NEL 2016 SONO ARRIVATI 47.740 IMMIGRATI: MA PER RENZI SONO SOLO FALSI ALLARMI…

189

Con i massicci sbarchi del fine settimana c’è stato il sorpasso. Dall’inizio dell’anno sono già sbarcati 47.740 immigrati, il 4% il più rispetto allo stesso periodo del 2015. Eppure il premier Matteo Renzi continua a negare l’evidenza dei fatti. “È evidente che sul tema dell’immigrazione si gioca la sfida della paura ma i numeri sono profondamente diversi da quelli raccontati – ha detto all’indomani della pubblicazione dei numeri sugli arrivi – non c’è un aumento dei migranti rispetto all’anno scorso, c’è un aumento di allarmi a scopo elettorali”.

La fotografia del neonato annegato al largo della costa libica tenuto in braccio da un nostro marinaio commosso dice lo stato degli atti. “La visione è insopportabile – tuona il presidente de deputati azzurri Renato Brunetta – non è più tollerabile che Renzi riduca l’allarmegravissimo sull’immigrazione a una schermaglia di battute”. Il picco c’è stato proprio nel fine settimana, quando si sono contati ben 7.200 arrivi. A maggio sono arrivate via mare complessivamente 19.819 persone. Anche l’accoglienza registra numeri record. Nelle varie strutture sono ospitati 119.294 persone: ben 16mila in più rispetto allo scorso anno.

La maggioranza (86mila) sono presenti nelle strutture temporanee. Poi, ce ne sono 19.777 nel sistema Sprar per richiedenti asilo e rifugiati e 13.472 nei centri di prima accoglienza e nei quattro hotspot. La Lombardia, ancora una volta, è la regione a cui vengono chiesti i sacrifici maggiori. Quindi il ministro dell’Interno Angelino Alfano ha, infatti, spedito 16.482 immigrati (il 13% del totale). Tanto per capirci: in Sicilia, terra presa d’assalto dagli sbarchi, ce ne sono “solo” 13.869 (il 12% del totale). Un’altra regione martoriata dal Viminale è il Veneto dove ne sono stati mandati 10.427 (il 9% del totale).

Finora l’anno record per numero di arrivi è stato il 2014, con 170.100 persone sbarcate. Segue il 2015 con 153.842. Senza una stabilizzazione della situazione in Libia, è prevedibile che il 2016 segni un nuovo primato, con scenari che ipotizzano fino a 200mila arrivi. Eppure Renzi nasconde la verità e si trincera dietro ai soliti slogan buonisti: “Davanti a qualcuno che rischia di morire in mare, io vado e cerco di salvargli la vita. Una vita salvata vale più di mille discorsi in televisione”. E accusa il centrodestra: “È evidente che sul tema si gioca la sfida della paura ma i numeri che abbiamo davanti sono diversi da quelli raccontati: non sono in aumento gli sbarchi ma gli allarmi a scopo elettorale”.

Fonte: Qui