E’ salito a 53.912 il numero dei migranti e dei rifugiati arrivati in Europa via mare dall’inizio del 2017 e a 1.316 quello dei morti nel Mediterraneo durante la traversata.

Lo riferisce l’Organizzazione internazionale delle migrazioni (Oim) che ha reso noti i dati aggiornati al 14 maggio.

Quasi l’85% degli arrivi è stato registrato in Italia, con circa 45.118 approdi dal primo gennaio (contro i 32.292 nello stesso periodo del 2016).

Commissione Ue: “Italia acceleri l’identificazione” – Sul versante politico intanto la Commissione europea “esorta l’Italia a accelerare le procedure per identificare e registrare in vista del ricollocamento tutti gli aventi diritto e per trovare soluzioni adeguate sulle interviste di sicurezza con gli Stati membri di destinazione del ricollocamento”.

Lo ha detto il commissario europeo per le migrazioni, Dimitris Avramopoulos.

“Tutti i migranti aventi diritto al ricollocamento che arrivano in Italia devono essere incanalati ordinatamente in hub specificamente designati”, ha aggiunto.

“Se gli Stati che non hanno fatto ricollocamenti nell’ultimo anno non prenderanno azioni entro un mese, specificheremo la nostra posizione anche con l’apertura di procedure di infrazioni”.

Fonte: Qui

SEGUI TUTTI I NOSTRI ARTICOLI SU FACEBOOK. METTI UN LIKE
loading...