ECCO PERCHE’ LA CGIL VUOLE LO IUS SOLI: TRA GLI ISCRITTI UNO SU QUATTRO E’ STRANIERO

1

Iscrizioni a picco: giovani e precari mollano il sindacato. Crescono invece le adesioni degli immigrati. Perché non aumentarli con la promessa dello Ius soli?

Calano gli iscritti e che c’è di meglio che coccolarsi una marea di nuovi, potenziali tesserati, vale a dire gli immigrati ed i loro figli? Il sindacato di Sinistra ci aveva già provato, a “pescare” in nuovi ambiti, alla fine degli anni Ottanta, quando aveva offerto agli studenti (italiani) tessere a prezzi stracciati, pardon simbolici.

Ora che l’emorragia è inarrestabile si guarda con sempre maggiore attenzione ai migranti. Del resto, le cifre parlano chiaro e la matematica non è un’opinione: meno 700mila iscritti nel 2014, con la grande fuga di giovani e  precari; meno 130mila nel 2015; meno 104.596 nel 2016. Ma incremento di iscrizione di immigrati: il 23%, uno su quattro. Una messe di proseliti da coltivare. Anzi, da potenziare.

Non deve far meraviglia dunque che sulla pagina social del sindacato ci sia un aperto invito al Parlamento ad “approvare rapidamente” lo Ius soli: la cassa non può attendere e sì, per qualcuno gli immigrati sono una “risorsa”…

via Il Populista