Il Sud con Salvini

Pericolo per il viaggio del Papa in Africa!

loading...

”Sabato sono stati pubblicati due videomessaggi del Papa. Uno destinato agli ugandesi e ai kenyoti e un secondo ai centrafricani. Il Santo Padre si congeda con un ‘a presto’. Tutti l’hanno preso come una promessa e un impegno che verra”’. Lo dice monsignor Franco Coppola, nunzio apostolico nella Repubblica Centrafricana, in un’intervista a Qn.

”La crisi di questo Paese dura ormai da 3 anni”, afferma il prelato parlando della difficile situazione: ”Una bomba a mano costa, mi dicono, meno di un euro. La guerra civile e’ fatta da milizie. Le armi, eccetto quelle pesanti, vengono distribuite anche a livello popolare. Comunque non sono state ritirate da nessuno. E’ previsto che questo compito tocchi al nuovo governo”, che si dovrebbe insediare dopo il referendum sulla Costituzione e le elezione a gennaio. In questo contesto, ”la visita del Papa sta unendo. Tutti sperano che possa servire a voltare pagina, spezzando la catena di violenze e di vendette.

loading...

Non c’e’ nessuno che abbia detto che non e’ contento”. Coppola spiega che la gente e’ stanca: ”Si e’ resa conto che gli uomini in armi invece di difenderla fanno i loro interessi; insomma, ha cominciato a considerarli sostanzialmente dei banditi”. La visita del Papa in Africa è ad altissimo rischio, dicono fonti di intelligence.

Fonte: Qui

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner