RAPINA CHOC A ROMA: MADRE E FIGLIA PESTATE DA 4 ROM

1

Domenica scorsa due donne, mamma e figlia 16enne, sono state brutalmente pestate da quattro rom, due uomini e due donne. Come racconta il Messaggero, le hanno colpite con cacciaviti e coltelli per portarle via una collanina d’oro. “Si è trattato di un’aggressione vile di fronte a decine di italiani che non hanno mosso un dito per aiutarle e soccorrerle”, denuncia Najo Adzovic, marito della donna rapinata ed ex delegato dell’ex sindaco Gianni Alemanno ai rapporti con i nomadi e vivono nel campo di via Salone.

La pista dell’aggressione porta al campo nomadi della Barbuta. Uno degli aggressori, come riferisce il Messaggero, è stato denunciato a piede libero. Subito dopo l’aggressione al mercato Anagnina, è stata la vittima stessa a portare i poliziotti del Commissariato Romanina alla Barbuta per cercare i responsabili. Qui ne hanno acciuffato soltanto uno. Gli altri tre sono, invece, riusciti a far perdere le proprie tracce protetti da alcune famiglie che vivono nel campo.

La moglie di Najo Adzovic è stata portata subito in ospedale. Dopo essere stata curata, imedici la hanno dimessa “con una prognosi di 15 giorni”. La figlia, che vive insieme ai genitori nel campo rom di via Solone, è stata, invece, trattenuta al Policlinico Casilino dove è ancora ricoverata. “Sono molto spaventate e scioccate – spiega l’uomo al Messaggero – difficilmente potranno dimenticare questa brutta esperienza. Queste persone che si comportano così vanno punite, disonorano tutti”.

Il Giornale