Raqqa, giustiziata dall’ISIS: condanna decisa da figlio jihadista

454

Una donna di 35 anni è stata giustiziata in pubblico mercoledì dall’Isis a Raqqa, la “capitale” dello Stato islamico in Siria, per apostasia. Sulla vicenda emergono però dettagli raccapriccianti.

A metterla a morte, infatti, sarebbe stato il figlio jihadista. Lo riferiscono gli attivisti anti-Isis presenti in città. Secondo altre fonti, la donna era stata accusata di essere una spia e di collaborare con la coalizione guidata dagli Stati Uniti.

Fonte: qui