RICORDI IL MIGRANTE CHE SPAPPOLÒ LA MILZA AD UN AGENTE? LIBERATO E ARRESTATO DI NUOVO PER FURTO…

0

Sanremo – Coinvolto nella violenta aggressione di Sanremo, in cui ha perso la milza un poliziotto, è stato condannato a dieci mesi di reclusione.

Subito scarcerato, ma con obbligo di firma, scappa e si viene di nuovo arrestato alcune settimane dopo, in Toscana, per il furto di mille euro di eucalipto.

Lui è Rochdi Hosni, uno dei tre tunisini coinvolti nell’aggressione a una pattuglia del commissariato di Sanremo, avvenuta il 20 agosto scorso, nel quartiere di Bussana, in cui un “assistente” riportò lo spappolamento della milza, successivamente asportata.

Condannato a dieci mesi, per direttissima, Hosni venne subito scarcerato, ma nella notte tra il 5 e il 6 ottobre scorso, i carabinieri della compagnia di Follonica, in provincia di Grosseto, lo hanno catturato assieme ad altri due tunisini (Lassaad Benbraiek e Bassam Ben Ali) pure loro noti in provincia di Imperia. Il reato: il furto di mille euro di eucalipto.

Hosni fu il primo dei tre tunisini dell’aggressione di Sanremo ad essere arrestato. Il 20 settembre scorso, i poliziotti della città dei Fiori hanno catturato anche gli altri due: Mohamed Adoini e Amed Triaa, di 33 e 19 anni.

Il personaggio chiave, tuttavia, fortemente sospettato di aver spappolato la milza al poliziotto con un pugno, è Adoini, considerato un soggetto assai pericoloso e violento, con precedenti per rapina e lesioni.

Fonte: qui