Il Sud con Salvini

Roma, Capaldo lancia l’allarme: “Terroristi di Parigi sono passati dall’Italia”

loading...

La polizia ha arrestato due siriani all’aeroporto di Ciampino mentre, con passaporti falsi, cercavano di raggiungere Malta. Il fatto è strettamente collegato con l’arresto avvenuto mercoledì di altri due siriani per gli stessi reati, presso lo scalo di Orio al Serio(Bergamo). I fermati hanno rispettivamente 18 e 19 anni e si spacciavano per un norvegese un francese. Uno dei due è un richiedente asilo in Austria. La polizia sta svolgendo approfondimenti investigativi per risalire all’organizzazione che favorisce il transito in Italia di stranieri attraverso la fornitura di documenti falsi e di biglietti aerei, richiedendo loro denaro, oppure promesse di future collaborazioni in attività illecite in favore di organizzazioni criminali.

A seguito degli attentati di Parigi, la Polizia di Stato ha ulteriormente incrementato le misure di sicurezza e vigilanza anche presso lo scalo di Ciampino. Sono state predisposte dall’ufficio di polizia di frontiera aerea straordinarie misure finalizzate a rendere piu’ incisivi i controlli dei viaggiatori, anche di quelli provenienti dall’area Schengen dove, non essendo la circolazione soggetta a controlli, risultano piu’ frequenti i tentativi di elusione delle normative interne ed internazionali in materia di immigrazione.

loading...

Jihadisti di Parigi passati in ItaliaE fa scalpore la dichiarazione del procuratore aggiunto di Roma, Giancarlo Capaldo, titolare dell’inchiesta sugli attentati di Parigi dove è morta Valeria Solesin e due marchigiani sono rimasti feriti: “Abbiamo il riscontro del passaggio di qualche soggetto, ma non di attività di questi soggetti in Italia”.

L’allarme jihadisti nel nostro Paese è stato lanciato ai microfoni di Radio 24. Capaldo è segue anche l’inchiesta che ha portato all’arresto di 17 presunti jihadisti in varie città d’Italia. E sulla possibilità che potesse esserci più di un soggetto passato in Italia, Capaldo ha replicato con un secco: “Non rispondo”.

Fonte: qui

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner