Salvini duro con Renzi: “Sei un cazzaro, vergognati”

26

Il tema è quello delle pensioni e sullo sfondo c’è anche il voto per il referendum costituzionale del 4 dicembre. Matteo Salvini ha le idee chiare in merito e l’obiettivo della sua rabbia è uno solo: Matteo Renzi. Il leader della Lega ha criticato in modo molto pesante il governo a proposito della famosa ‘quota 41’, cioè la soglia di contributi con la quale si potrebbe ottenere il pensionamento anticipato senza limiti di età. La legge così com’è pensata ora scontenta molti lavoratori, soprattutto quelli precoci che continuano a rivendicare e chiedere che la quota sia ampliata a tutti i lavoratori che avendo cominciato a lavorare in giovanissima età hanno già versato 41 anni di contributi.

Commentando il video di una manifestazione di questi lavoratori Salvini scrive su Facebook: “Mi piacerebbe vedere il cazzaro Renzi farsi un giro tra questi lavoratori fregati e umiliati dall’infame legge Fornero. Altro che APE, o la proposta del PD di ipotecarsi la casa per tirare avanti. Vergognatevi! Anche per questo il 4 dicembre #iovotono”.

La Lega dunque con questa presa di posizione del suo leader si affianca al Movimento Cinque Stelle, ai sindacati e alla minoranza del Pd guidata da Cesare Damiano. Uno strano gruppo del tutto eterogeneo unito dalla vicinanza ai lavoratori precoci, ma soprattutto dall’avversione politica nei confronti di Matteo Renzi.