IL SINDACO DI POZZALLO: “JIHADISTI SUI GOMMONI? SI SAPEVA”

35

Roberto Ammatuna: “Siamo stati i primi a lanciare questo allarme, anche se ci hanno fatto passare per razzisti”

Leggiamo su Il Populista:

“Siamo stati i primi a lanciare questo allarme, anche se le nostre preoccupazioni sono state strumentalizzate a tal punto da far passare la nostra città, da sempre in prima linea nell’accoglienza, come razzista. Adesso le parole del ministro confermano che quell’allarme aveva un fondamento”.

A dirlo è il sindaco di Pozzallo (Ragusa), Roberto Ammatuna, dopo le parole del ministro dell’Interno, Marco Minniti, che in un’intervista a Die Welt ha detto: “Ciò che solo alcuni mesi fa sembrava impossibile, ossia il fatto che i combattenti dell’Isis si imbarcassero su dei gommoni fatiscenti, è ora diventato possibile. Si richiede pertanto la massima allerta”.

Nei mesi scorsi proprio il primo cittadino del centro del Ragusano aveva espresso i propri timori al capo del Viminale. Preoccupazioni per possibili infiltrazioni di potenziali soggetti appartenenti a cellule jihadiste. “Ci eravamo accorti”, dice adesso il sindaco, “di una nuova tipologia di migranti, non persone in fuga da guerre e violenze, ma giovani bulli, arroganti e prepotenti”.

Di fronte a questo cambiamento del fenomeno migratorio nella sua città, Ammatuna aveva preso carta e penna e aveva scritto a Minniti. “Con il ministro ho avuto un’interlocuzione assai positiva”, prosegue il sindaco, “è venuto a Pozzallo e ci ha ascoltato. E’ un grande ministro dell’Interno e noi ci sentiamo rassicurati dalle sue azioni”. Contento lui…

via Il Populista