SISMA, ‪#‎LEGA‬ SVELA INDAGINE SU BOLLETTE: “AGEVOLAZIONI IGNORATE DAI GESTORI ELETTRICITÀ E GAS PER 4 ANNI”

88

Le agevolazioni sulle bollette di elettricità e gas per i terremotati potrebbero essere state regolarmente disattese dai gestori per 4 anni, il tempo trascorso dal sisma. Lo rivela un’indagine condotta da Elector Consulting – azienda di servizi di consulenza in materia energetica – nei Comuni del cratere. Su un campione di 30 imprese, in 18 casi (60%) Elector ha individuato errori nell’applicazione delle agevolazioni (vedi allegato). Il tema è al centro di un’interrogazione della Lega Nord in Regione Emilia Romagna, a firma del capogruppo Alan Fabbri e dei consiglieri Stefano Bargi e Marco Pettazzoni.
Le agevolazioni previste si applicano in modo automatico, erano state deliberate dall’Autorità per l’energia elettrica e il gas con delibere 6/2013/R/COM, ma con effetto retroattivo. Nel dettaglio è prevista una riduzione in bolletta del 50% per i primi 12 mesi e, successivamente, fino al 40%, delle componenti delle tariffe di rete e degli oneri di sistema, a partire dal 20 maggio 2012, data delle prime scosse, e fino al 19 maggio 2014. La delibera prevede inoltre, tra le altre cose, la possibilità di rateizzazione delle bollette, e cancella i costi di volture, allacciamenti e subentri per i Comuni colpiti. Per i terremotati che non hanno beneficiato degli sconti c’è ora la tegola della prescrizione, che cade dopo cinque anni dalla data di scadenza del pagamento delle bollette (quelle del 2012 andranno in prescrizione già nel 2017). “Chiediamo alla Regione di verificare, e spiace che non sia evidentemente stato fatto fino ad ora, visti gli allarmanti sospetti che emergono dall’indagine segnalata – dicono i consiglieri del Carroccio -. Invitiamo il Commissario alla ricostruzione a convocare, da subito, tutti i gestori e a pretendere chiarimenti in tal senso e, nel caso dovessero emergere inadempienze o illeciti, a disporre tutte le azioni necessarie a ottenere gli opportuni risarcimenti per i cittadini. Se si dovesse appurare che in tutti i territori del cratere i gestori hanno regolarmente ignorato – a loro vantaggio – la delibera sulle agevolazioni sarebbe uno scandalo di portata nazionale, che coinvolgerebbe buona parte dei grandi nomi dell’elettricità e del gas, paventando un tentativo di sciacallaggio sulla pelle dei terremotati. Invochiamo controlli e verifiche a tappeto, da parte di tutte le autorità competenti, affinché a nessuno sia concesso di provare a lucrare su un dramma che ha investito la nostra terra”.