Il Sud con Salvini

Strage di Parigi, il ricercato Salah Abdeslam avvistato ieri sera ad Anderlecht, Belgio in allerta

loading...

Bruxelles (Belgio), 20 nov. (LaPresse) – Tensione nella serata di ieri in Belgio. Secondo quanto riferisce Het Laatste Nieuws Salah Abdeslam, ricercato per le stragi di Parigi di venerdì scorso, sarebbe stato avvistato nella zona di Anderlecht, poco distante dalla capitale del Belgio. Il livello di allarme è rimasto comunque stabile, ma verranno ottimizzate le misure già in vigore, secondo quanto riferito da Peter Mertens, portavoce del Centro di Crisi del Ministero degli Interni. Secondo la tv belga VRT, queste misure riguardano in particolare l’intensificarsi del lavoro delle pattuglie della polizia e dell’esercito sul territorio.

ULB: FERMATE ATTIVITA’ STUDENTI. Ieri, a causa dell’allarme, sono state fermate tutte le attività degli studenti dell’ ULB (Université libre de Bruxelles: la polizia, secondo quanto riportato dal sito belga Libre, ha infatti consigliato a ULB di chiudere i luoghi di ritrovo degli studenti per ragioni di sicurezza. “Non ci sono minacce dirette alla ULB. Si tratta di una precauzione presa da parte della polizia. Gli studenti hanno lasciato le sale per feste di modo calmo e ragionevole”, ha commentato Nicolas Dassonville, portavoce della ULB, che ha specificato che il campus universitario non è stato evacuato.

HOLLANDE: AUMENTARE I RAID.  Ieri sera il presidente francese, François Hollande, ha ordinato di aumentare i raid contro lo Stato islamico in Iraq e Siria. Lo ha fatto sapere l’Eliseo, dopo il Consiglio di difesa tenutosi nel pomeriggio di ieri. “Il presidente – si legge nella nota – ha dato le istruzioni necessarie a intensificare le operazioni militari in corso per lottare contro Daesh in Siria e in Iraq”.

ABAAOUD MORTO NEL BLITZ.  Il belga Abdelhamid Abaaoud, ritenuto la mente degli attentati di Parigi, è stato formalmente identificato come una delle persone morte nel blitz di ieri a Saint Denis, sobborgo della capitale francese. Lo ha fatto sapere la procura parigina. Il premier francese Manuel Valls davanti all’Assemblea nazionale, ha ieri dichiarato: “Il cervello, anzi uno dei cervelli, perché bisogna essere prudenti, e abbiamo visto le minacce, è stato ucciso”, omaggiando il “lavoro eccezionale dei nostri servizi e della polizia”. I deputati hanno reagito applaudendo.

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner