Il Sud con Salvini

TERRORISMO IN EUROPA – L’Europol lancia l’allarme: Pronti nuovi attacchi

loading...

L’agenzia di polizia europea: “Stragi come quella di Parigi si ripeteranno. Isis ha minacciato Spagna, Belgio, Francia e Italia”

Attacchi terroristici con modalità simili a quelle utilizzate a Parigi il 13 novembre 2015 “potrebbero essere effettuati ancora nell’Unione Europea nel prossimo futuro”.

E’ la previsione dell’ Europol, che oggi ha diffuso un rapporto sulle attività terroristiche nell’Ue. “Diversi jihadisti europei – ricorda l’ Europol – occupano posizioni prominenti nello Stato Islamico e manterranno probabilmente contatti con le reti terroriste nei rispettivi Paesi di origine. Gli attacchi del 13 novembre a Parigi hanno inaugurato la tattica dell’Is di utilizzare armi di piccolo calibro con ordigni esplosivi improvvisati portatili per attacchi suicidi, progettati per causare perdite massicce. Il modo in cui questi attacchi sono stati preparati e attuati (organizzati da persone rientrate in patria, molto probabilmente dirette dalla leadership dell’Is e con l’utilizzo di reclute locali, ci portano alla valutazione” che episodi simili si possano ripetere. “L’Is ha ripetutamente minacciato la Penisola Iberica e gli Stati membri della coalizione anti-Is nei loro video di propaganda, facendo riferimenti specifici a Belgio, Francia, Italia e Regno Unito”. Ma l’analisi dell’Europol prende in considerazione anche gli ultimi attentati: “Sebbene lo Stato islamico abbia rivendicato la responsabilità degli ultimi attacchi” di Orlando negli Usa, Magnanville e Nizza in Francia, Wuerzburg in Germania, “nessuno di essi sembra essere stato pianificato, sostenuto logisticamente o eseguito direttamente dallo Stato islamico”, mentre “l’affiliazione dei perpetratori con il gruppo non è chiara”. Sull’attentato a Nizza, in particolare, “non c’è prova che suggerisca che l’attentatore si considerasse un membro dello Stato islamico”.

loading...

Il rapporto ricorda che il tunisino “si sarebbe radicalizzato in un periodo molto breve e che avrebbe usato propaganda jihadista nei giorni precedenti l’attacco”. L’agenzia sottolinea “le difficoltà operative dell’individuare e impedire gli attacchi dei lupi solitari”, dicendo che questo metodo “resta la tattica preferita dallo Stato islamico e da al-Qaeda”. Il fatto che l’agenzia Amaq abbia detto di aver ricevuto le informazioni sulla responsabilità da fonti non identificate, prosegue Europol, “è in contrasto con la chiara rivendicazione di responsabilità dello Stato islamico per gli attacchi del novembre 2015 a Parigi e marzo 2016 a Bruxelles”. L’agenzia ipotizza che ciò possa “indicare che lo Stato islamico voglia mantenere un’immagine di ‘attendibilità’, nel caso emergessero notizie che contraddicessero le rivendicazioni”. Infine viene sottolineata un altro aspetto: “Le organizzazioni terroristiche condizionano psicologicamente gli associati, soprattutto i foreign fighters, per poter sferrare attacchi”. Secondo l’agenzia di polizia europea, l’esperienza di formazione e di combattimento acquisita dai foreign fighters, quanti vanno ad arruolarsi dall’estero per poi tornare nei Paesi di origine, “significa che questi individui avranno una maggiore capacità di compiere attentati, sia sotto la direzione o in modo indipendente”. Durante il periodo di addestramento, “alcuni individui sono sottoposti a condizionamento psicologico specifico nei teatri di conflitto come la Siria, consentendo loro di effettuare azioni terroristiche”. Secondo Europol “la maggior parte degli autori degli attacchi 2015 in Francia sono stati rimpatriati da zone di conflitto”.

Fonte: Il Giornale

loading...

SEGUICI SU FACEBOOK

banner